Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Commercialisti, a Catania al via scuola di alta formazione



Formazione, rigenerazione, sinergie e sviluppo per la professione: sono le parole chiave per descrivere l’ultimo anno di attività dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (Odcec) di Catania che stamattina (venerdì 1 dicembre) ha riunito i propri iscritti all’Hotel Nettuno per l’annuale Assemblea generale di approvazione del consuntivo 2017. «Il bilancio è stato approvato all’unanimità e ha rispettato tutti gli obiettivi che l’Ordine si era prefissato – ha spiegato il presidente Giorgio Sangiorgio – offrendo agli iscritti una chiave di lettura di quanto è stato fatto in questo primo anno dopo il mio insediamento».

Un documento che, per il prossimo 2018, prevede di rafforzare e consolidare le iniziative portate avanti dalla categoria etnea, con l’obiettivo di rendere ancora più efficiente la gestione delle attività istituzionali, garantendo il livello dei servizi e delle prestazioni esistenti. «È importante – ha affermato il presidente durante l’apertura dei lavori – intercettare tutti gli aspetti innovativi della nostra professione, per consegnare ai colleghi gli strumenti che consentano di affrontare le nuove sfide di un mercato del lavoro sempre più hi-tech e globale. Nel 2018 entrerà a pieno regime il procedimento di pagamenti elettronici pagoPA che garantirà maggiore certezza e riduzione dei costi». Tra le novità strettamente legate all’ambito della formazione, c’è l’avvio dell’attività della Scuola di Alta Formazione (SAF Sicilia), un’opportunità in più che permetterà di sostenere anche le nuove generazioni pronte a intraprendere questo percorso professionale.  Durante l’Assemblea ampio spazio è stato inoltre dato all’approvazione del bilancio preventivo 2018, curato dal tesoriere Rosario Marino, redatto nel pieno rispetto delle prescrizioni contenute nel Regolamento di Contabilità. Presente al tavolo dei relatori il vicepresidente Alberto Leone, il segretario Maurizio Stella e il presidente del Collegio dei Revisori Giovanni Piccin.

La sinergia che ha visto l’Ordine etneo a lavoro con gli stakeholders – i soggetti pubblici e privati portatori di interesse per la categoria – è stata sottolineata in Assemblea dallo stesso presidente Sangiorgio, che ha indicato le numerose iniziative messe in campo per creare momenti di dialogo, confronto costruttivo e nuove connessioni professionali: «L’Ordine di Catania durante questo 2017 – afferma Sangiorgio – ha messo a frutto diverse azioni in un’ottica di buona amministrazione e di valorizzazione del territorio: dai protocolli d’intesa siglati con le scuole per i progetti di Alternanza Scuola/lavoro e con la direzione provinciale Inps di Catania, alla costante collaborazione con l’Università, le Associazioni di categoria, il CNDCEC e gli altri Ordini professionali».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]