Press "Enter" to skip to content

Il futuro dell’Africa, se ne parla al Parlamento europeo

Molte trasformazioni positive come il rapido progresso economico, il rafforzamento delle istituzioni e lo stato di diritto hanno colpito il continente africano negli ultimi due decenni. Allo stesso tempo, le sfide rimangono legate a carenze di sicurezza, alla desertificazione e al degrado ambientale, allo scoppio della carestia, alla povertà e alla disoccupazione, che causano flussi migratori.

Lo sviluppo in Africa è una necessità. È necessario stabilizzare il continente, attirare investimenti per creare posti di lavoro per consentire ai giovani africani di avere un futuro nei propri paesi.

Il 2017 è un anno cruciale per le nostre relazioni con l’Africa. Numerose azioni politiche e legislative sono state intraprese a livello europeo e internazionale, ad esempio sotto la presidenza tedesca del G20. A tal riguardo, a maggio, l’Alto Rappresentante e la Commissione Europea hanno pubblicato una comunicazione comune per un rinnovato impulso dell’Africa-UE Associazione. Nel mese di giugno il Consiglio ha adottato conclusioni che sottolineano l’autentico interesse strategico dell’UE per approfondire e rafforzare la sua partnership a lungo con l’Africa. Conclusioni che prepareranno anche l’importante Vertice Africa-UE che si terrà a fine novembre a Abidjan, Costa d’Avorio. Inoltre, il 28 settembre il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile, il nuovo piano d’investimento esterno dell’UE.

Negli ultimi mesi il Parlamento europeo ha anche svolto un ruolo cruciale per stabilire un dialogo politico diretto con l’Africa invitando i leader africani come il presidente della Commissione dell’Unione africana, Moussa Faki a maggio, nonché il presidente della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara a giugno, per affrontare la plenaria di Strasburgo.

L’idea di organizzare una conferenza ad alto livello sull’Africa il 22 novembre, una settimana prima del Vertice, è quella di costruire queste iniziative, di creare un momento politico e di aumentare la visibilità e il ruolo del Parlamento europeo in Abidjan.

Quest’anno l’attenzione sarà rivolta a “Investire in gioventù”, che è diventata una priorità fondamentale per l’Europa e per l’Africa, in un contesto di tendenze demografiche africane che creano grandi sfide in termini di sviluppo economico e creazione di posti di lavoro, sicurezza, partecipazione politica e migrazione. Pertanto, il bilancio della gioventù e del genere sarà al centro della conferenza di alto livello e sarà discusso orizzontalmente attraverso i vari gruppi.

Il Parlamento europeo, con la sua delegazione significativa tra cui il suo presidente, i presidenti dei comitati DEVE, AFET, INTA, SEDE e DROI e le presidenti delle delegazioni all’APP ACP-UE, al Parlamento panafricano e alle relazioni con il sud L’Africa, può essere un reale valore aggiunto sia per il Vertice parlamentare che per i vertici dei governi e dei governi. Questi membri dovrebbero avere un ruolo fondamentale nella conferenza.

L’obiettivo della conferenza di alto livello è anche quello di utilizzare le competenze dei comitati parlamentari e delle delegazioni pertinenti nel messaggio trasmesso dal Parlamento europeo a entrambi i vertici.

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.