Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Giuseppe Priolo, lo chef che ha fatto conoscere il cannolo ai russi



Giuseppe Priolo, palermitano, chef executive di Eataly a Mosca, undici anni fa ha lasciato la Sicilia (l’hotel Villa Igiea di Palermo), dove era tornato dopo aver lavorato a Istanbul, al Cairo, a Doha. “Nel 2006 stanco di non aver riconosciuti i giusti meriti professionali, ho deciso di lasciare Palermo per San Pietroburgo, città meravigliosa dal punto di vista architettonico, non da quello gastronomico, a differenza di Mosca, dove si era già affermato il sincretismo tra culture culinarie come quella italiana, portata dai nostri chef, e la russa”.
“La compagnia di ristorazione Ginza Project, quando sono arrivato io, contava solo sette attività tra ristoranti e café. Oggi, solo a San Pietroburgo ne conta 65. Sono stato alle loro dipendenze per quasi 9 anni. Innumerevoli i personaggi per i quali ho cucinato. Sono venuti a trovarmi anche gli attori Ficarra e Picone”.

“La cucina del ristorante era italiana. A poco a poco ho inserito i piatti siciliani più classici: pasta con le sarde, caponata, pasta alla norma, pesce spada alla messinese. E poi i dolci come cannolo, sfincia, dolcetti di mandorle e di pistacchio. All’inizio non è stato subito amore. I russi preferiscono i piatti della tradizione classica”.
“La mia prima degustazione, a San Pietroburgo, è stato un mezzo disastro – aggiunge lo chef – Ho proposto qualche classico: la norma, la caponata, piatti con carciofi. Non è andato come mi aspettavo. Ma ho lavorato sodo e dopo qualche anno i risultati sono arrivati. Dieci anni fa nessuno conosceva i carciofi, i cardi e il finocchietto selvatico. Ma a poco a poco i piatti della nostra tradizione si sono imposti. Ci sono alcune cose su cui si deve ancora lavorare, come il vino. I russi lo amano, ma non lo abbinano quasi mai al cibo. Bevono vini toscani, piemontesi, campani e siciliani. Gli uomini preferiscono i rossi e le donne bianco e bollicine. Mangiano la carne, prevalentemente alla griglia. In inverno amano le zuppe e le insalate, ma anche la pizza, la pasta e poi i dolci. Ma non sono dei gran mangioni”.

Tra i dolci, il cannolo è il più apprezzato: “La ricotta – spiega – la produciamo noi con ottimo latte russo. Realizziamo mozzarelle burrate e a breve anche i formaggi. Abbiamo già in produzione il Piacentino ennese. Anche i prodotti agricoli sono coltivati in Russia. Una buona parte in Azerbaijan, Uzbekistan, Georgia. Gli agrumi e il pomodoro arrivano dal nord Africa. Prepariamo tutta la pasta fresca, il pane e prodotti da forno. Dall’Italia arrivano farine, olio, pelati, pasta. Mentre dalla Sicilia importiamo capperi, olive verdi, olio, bucce di cannoli. In questi anni abbiamo ottenuto diversi riconoscimenti. Ho cucinato per il patriarca russo, per il primo ministro cinese, per Putin”.
Dopo nove anni a San Pietroburgo, Priolo si è trasferito a Mosca, dove Eataly ha aperto. “I russi cercano il classico e tutti li accontentano; ma io, come il salmone, nuoto controcorrente. Oggi sono lo chef di Eataly Mosca, dirigo 14 ristoranti con 146 cuochi, me compreso”. Eataly Mosca è stato inaugurato il 25 maggio, al quarto piano del centro commerciale Kievsky: con i suoi 7.000 metri quadrati e circa 900 posti a sedere, è il secondo Eataly più grande al mondo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]