Il “Vicolo” di Catania strada maestra della ristorazione di qualità
Press "Enter" to skip to content

Il “Vicolo” di Catania strada maestra della ristorazione di qualità

Si parte dalla bruschetta con pane d’Altamura con gorgonzola al cucchiaio e alici del Mar Cantabrico, al lardo di Pata Negra con focaccia ai grani antichi, passando dal giro di mortadella di asina e cinghiale al tartufo; per finire con il parmigiano di Vacca Rossa Riserva – prodotto con latte di razza bovina Reggiana – e con il salame di suino nero dei Nebrodi in budello naturale e il ficu di capra girgentana dei presidi Slow Food. È un vero e proprio tour che ha come punto di partenza la filosofia “local”, per poi dirigersi in Francia, Inghilterra e Spagna alla ricerca di specialità e prelibatezze uniche. In uno spazio di oltre 200 metri, dietro il bancone di legno e rame che ospita spillatrici di ultima generazione, questi prodotti di altissima qualità sono i protagonisti del nuovo progetto firmato Al Vicolo: “La Salumeria”. Un altro tassello del più grande puzzle che disegna il centro storico del capoluogo etneo, dove oggi Angelo Scaringi e Lucio Ferlito hanno creato un vero e proprio “polo” della ristorazione catanese.

Un locale aperto dal mattino sino a tarda notte, per soddisfare nel modo migliore le esigenze dei fedelissimi clienti e dei numerosi turisti, con una proposta mai scontata che unisce sapori e intrattenimento. Il nuovo format – inaugurato in via del Colosseo – mixa l’informalità di una pizzicheria al lusso dei prodotti di nicchia: ricercati, selezionati e abbinati a birre e vini declinati per ogni tagliere. “Compra e mangia”: un concept vincente, in perfetto equilibrio tra cucina di casa e ristorante gourmet; dove la possibilità di ordinare al banco prodotti unici, si unisce all’offerta gastronomica di Al Vicolo.

«La nostra proposta – spiegano Angelo e Lucio – nasce dalla consolidata esperienza di questi anni, la famiglia “Al Vicolo” continua a crescere con un trend inarrestabile, grazie all’impegno di tutto il team guidato da Francesca Frazzetto, e grazie all’attenzione riposta nella qualità e nelle esigenze dei nostri clienti. Alla base di tutto c’è il know how nella gestione degli acquisti e nel disegno del menu, che ci consente da sempre di offrire il massimo, dal punto di vista della freschezza, della quantità e della qualità. Così, dopo l’importante innesto dei forni Gluten free, che ci hanno permesso di ampliare un pubblico sempre più esigente, abbiamo deciso di investire sulla nuova location – adiacente a quella esistente – per sperimentare il “food concept store”, ovvero uno spazio dal design unico dov’è possibile acquistare tutti i prodotti presenti in menu. Un modello che recupera la tradizione dell’alimentare di qualità nella ristorazione, e che ci consentirà di allargare anche la fascia oraria d’apertura: a partire dal 18 marzo, infatti, a gran richiesta saremo aperti anche a pranzo, con i forni accesi anche di giorno per sfornare pane e pizza sempre caldi».

Una boutique del gusto quindi, dove sarà possibile immergersi in una “food experience” d’autore: da un lato, la vendita di prodotti ricchi di tradizione e territorialità; dall’altra, una location contemporanea dove poter conoscere salumi a cinque stelle e degustare birre artigianali esclusive.

La condivisione promiscua degli spazi di vendita e di consumo, rendono così l’esperienza dell’acquisto un momento legato ai cinque sensi, alle emozioni del palato, alla riscoperta di sapori autentici: i prodotti in vendita sono gli stessi impiegati in cucina, che diventa dunque la vera vetrina di Al Vicolo. Stesso ritrovo, altri spazi, nuova insegna: un percorso che segna la rotta della movida etnea, trasformando un’area del centro storico – fino a otto anni fa deserta nelle ore notturne – in uno dei nuovi snodi del food siciliano.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.