Press "Enter" to skip to content

Non rivelò la fonte, assolta giornalista Stefania Limiti

Il Tribunale di Roma, presieduto dal Dr. Iulia della quarta sezione penale, ha assolto con la formula perchè il fatto non sussiste la giornalista Stefania Limiti, imputata ai sensi dell’articolo 371 bis codice penale per non aver rivelato ai pubblici ministeri di Caltanissetta, nonostante l’ordine del Giudice delle indagini preliminari, l’identità della fonte di un proprio libro, ‘Doppio Livello’ sulla strage di Capaci.

[sam_pro id=1_2 codes=”true”]


Il Tribunale ha assolto la giornalista in via pre-dibattimentale, ai sensi dell’art. 129 c.p.p., perché la Procura di Roma non è riuscita a definire e provare correttamente, già nel capo di imputazione, i fatti attribuiti alla Limiti. Il Tribunale aveva già rinviato il processo, accogliendo l’eccezione dei difensori sul difetto di contestazione e sulle carenze probatorie da parte della Procura di Roma, e oggi ha preso atto dell’ impossibilità di proseguire il processo, e quindi di entrare nel merito, sulla base dell’originaria contestazione. Stefania Limiti era difesa dall’Avv. Valerio Vartolo e dall’Avv. Andrea di Pietro, quest’ultimo per conto di Ossigeno per l’informazione e del suo Ufficio Legale.

[sam_pro id=1_3 codes=”true”]

“La vicenda – scrive la giornalista su Facebook – mostra la superficialità dell’accusa che mi ha chiamata in giudizio senza neanche provvedere a fornire materiale sufficiente per la mia condanna. Insomma, sembrerebbe quasi, ma certamente non è così!, che la Procura abbia puntato solo sull’aspetto intimidatorio e dimostrativo, anziché sulle ragioni del diritto, come se fossero meno interessati ad una mia effettiva condanna. Se fosse così sarebbe proprio una sgradevole interferenza nell’ attività giornalistica. Grazie a tutti per la solidarietà e l’affetto”.

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.