Press "Enter" to skip to content

Acquacoltura, presentato a Sinagra il piano per l’anguilla

E’ stato presentato ieri dall’Assessore regionale per la  Pesca Mediterranea, Edy Bandiera, a Sinagra, in occasione del convegno nazionale in tema di pesca e acquacoltura, che ha visto coinvolto Ministero delle Politiche Agricole e a tutti gli operatori del settore, il “Piano Regionale per l’Anguilla”.

Atteso da oltre 10 anni, il piano rappresenta una straordinaria opportunità per lo sviluppo delle aree interne della Sicilia, che, attraverso il proficuo impiego dei fondi comunitari, possono incentivare lo sviluppo dell’acquacoltura, caratterizzata da risparmio energetico, sostenibilità ambientale e sicurezza alimentare, a testimonianza dell’impegno e dell’attenzione posta da parte del Governo Musumeci verso settori trainanti per l’economia e lo sviluppo dell’Isola. La Sicilia colma in tal modo un gap rispetto ad altre regioni italiane, che hanno presentato i propri piani regionali, rendendo possibile la pesca professionale dell’anguilla e di
conseguenza le attività collaterali ad essa legate.
Grazie a tale piano sarà possibile sia la pesca professionale della specie che la realizzazione di impianti di allevamento, con risvolti economici importanti per via dell’elevata domanda da parte dei mercati. A renderlo noto è l’Assessore per la Pesca mediterranea Edy Bandiera: “La Sicilia potrà finalmente riappropiarsi di una tradizione storico culturale fortemente remunerativa in aree tradizionalmente vocate, in special modo quelle interne, con il
conseguente vantaggio economico per gli agricoltori che potranno incrementare
il proprio reddito, diversificando la loro attività – afferma l’Assessore”.
La redazione del piano prevede una fase di ricerca di dati storici di presenza e pesca della specie, dati dei bacini idrografici (regimentazione corsi fluviali, presenza sbarramenti), fasi di monitoraggio della risorsa sul campo ed elaborazione dei risultati ottenuti.
Apprezzamento da parte degli amministratori locali, lo dichiara in una nota il  Sindaco di Sinagra, Nino Musca: “Un passo fondamentale per riavviare un settore
bloccato. La comunità sinagrese è davvero onorata di aver potuto recitare una parte da protagonista nel rilancio dell’anguilla, il cui significato per i sinagresi va oltre ogni importante denotazione economica. Ringraziamo il Governo regionale, in particolare l’assessore Edy Bandiera, costantemente presente sul nostro territorio, che, insieme ai dirigenti responsabili, ha mantenuto le promesse fatte, riconoscendo il ruolo storico e culturale che Sinagra e la sua fiumara hanno da sempre svolto relativamente al tema delle anguille. E’ un primo e necessario passo: la nostra comunità è pronta ad affrontare i successivi, insieme all’amministrazione regionale, nella
riscoperta della nostra identità.”

In occasione del convegno Tanino Drago, chef molto conosciuto negli Stati Uniti con ristoranti a Los Angeles, ha preparato per il ristorante De Gusto di Galati Mamertino che ha curato il catering, due piatti reinterpretando la tradizione siciliana.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.