Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Anno giudiziario, Lo Voi: “A Palermo voglia di corruzione e di mafia”



Palermo – A Palermo c’è voglia di corruzione che fa il paio con la voglia di mafia. Le parole, dure come le pietre, sono del procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e sono state pronunciate nel corso dell’inaugurazione dell’anno giudiziario nell’aula magna della Corte d’appello del Tribunale di Palermo.

Parole forti che riportano la città ai periodi bui, ad anni che sembravano tramontati per sempre. E che invece sono tornati e li ritroviamo nei passi felpati di certi burocrati pubblici che trovano conveniente farsi corrompere e non si chiedono nemmeno se dietro il corruttore vi sia un’impresa mafiosa. Sanno di poter godere dell’impunità, quella garantita dalla prescrizione che, in assenza di reati di mafia, corre veloce e aiuta i criminali.

La mafia non usa come un tempo la violenza per intimidire ma usa la corruzione approfittando anche della disponibilità da parte dei funzionari pubblici che in questo sistema vedono per loro una indiscutibile convenienza: “Questi soggetti esterni – dice Lo Voi – vedono un loro tornaconto. E e indagini sulla corruzione e dunque sulla mafia sono sempre più difficili perché scompare il soggetto interessato a denunciare”. Nessuno a questo punto sembra interessato a denunciare: non per paura ma per convenienza.

“Resta solo la sensazione – dice Lo Voi – di avere solo scalfito il muro. Duole riscontrare come a differenza che con la mafia sia ancora in fasce una maura coscienza anticorruzione. Spesso in questi casi si tende a minimizzare, con una sottovalutazione basata su una sorta di giustificazionismo. Bisogna pensare a un provvedimento che spezzi l’asse mafia-corruzione, prevedendo meccanismi premiali per chi denuncia: la punizione di tutti i soggetti indistintamente non aiuta”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]