Arriva il super ghiaccio che aumenta la durata e la freschezza del pescato



Si chiama “super Ice” o “creamy ice” il nuovo tipo di ghiaccio innovativo sperimentato con successo che consente di aumentare di 12/15 giorni la “shel life” del pesce mantenendo tutte le caratteristiche del pescato fresco.

Lo annuncia con un comunicato il Distretto della Pesca e Crescita Blu di Mazara del Vallo.  

E’ quanto emerge dalla sperimentazione in corso di un progetto che, finanziato con la misura FEAMP 1.26 – “Innovazione nel settore della pesca”, dal Dipartimento Regionale Pesca Mediterranea della Regione Sicilia, al Distretto della Pesca, che vede coinvolte più soggetti della filiera associati e coordinati dallo stesso in qualità di capofila.

“I prodotti ittici – ci dice Francesco Bertolino della cooperativa di ricerca biologica “Bio&Tec”  che si occupa nel progetto dell’analisi e campionamento del prodotto – o dell’acquacoltura,  appena pescati, vengono sistemati in vaschette di polistirene con aggiunta di “super ice” o “creamy ice”, un tipo di ghiaccio, potenziato con ozono, grazie ad una tecnologia inventata dalla MedicAir srl  di Mazara, che consente non solo di abbattere la proliferazione della produzione della popolazione batterica, ma di conservare integre le caratteristiche di freschezza e presentabilità del prodotto, allungandone quindi la schelf life.”.

Per meglio evidenziarne l’efficacia dell’innovazione, in contemporanea è stato conservato il pescato nelle stesse vascette/contenitori di polistirene con il tradizionale ghiaccio a scaglie.

I risultati, già sperimentati su più specie di pescato (sardine, acciughe) proveniente o da pesca a circuizione con la motopesca “Stella II” della marineria di Sciacca o da acquacoltura (orate) dagli impianti dell’Ittica San Giorgio a Licata (AG), sono stati sorprendenti, perché      il “Creamy Ice” determina un evidente effetto positivo sulla conservabilità e freschezza del prodotto sia in termini temporali che di mantenimento della qualità.

“Siamo particolarmente fieri di questo progetto; se i risultati preliminari verranno confermati – dichiara Nino Carlino, Presidente del Distretto – la pesca e l’acquacoltura potrebbero beneficiare di un innovativo sistema di conservazione in grado di tenere alta la qualità del pescato più a lungo, a vantaggio di tutti gli operatori della filiera ittica ma anche del consumatore finale al quale riusciremo a fornire un prodotto sempre fresco e con i valori organolettici inalterati. Naturalmente, sono in corso ulteriori verifiche scientifiche ma siamo ottimisti sull’esito finale di questa attività di ricerca.”.

Il progetto non è ancora concluso, infatti prosegue coinvolgendo altri soggetti delle marinerie della costa sud della Sicilia, da Capo Passero a Favignana, su altre specie ittiche come il gambero rosa o rosso, la triglia di fango, la spatola o altri prodotti proveniente dagli allevamenti dell’acquacoltura.

“Il Progetto – conclude il presidente del Distretto, Nino Carlino –  vede coinvolto a pieno titolo, anche il Consorzio  Universitario di Trapani che si occupa della validazione scientifica dei risultati ottenuti “.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]