Press "Enter" to skip to content

Bruxelles, gruppo di lavoro per promuovere turismo nelle isole europee

Il 27 novembre, a Bruxelles, presso il Comitato Economico e Sociale Europeo – CESE, l’Osservatorio sul Turismo delle Isole Europee – OTIE, ha istituito un gruppo di lavoro internazionale esclusivamente orientato a supportare lo sviluppo delle isole attraverso la valorizzazione turistica del patrimonio esistente. Si tratta del primo Island Economy Working Group che vede coinvolti rappresentanti dei territori insulari europei e mondiali, esperti del turismo marittimo e costiero, Camere di Commercio delle isole, istituzioni pubbliche e associazioni di settore che hanno messo a disposizione le proprie competenze tecniche e scientifiche per la definizione di azioni concrete di sviluppo territoriale.

E’ così che OTIE, da sempre impegnato nel supporto dei territori insulari europei, ha deciso di festeggiare i suoi dieci anni di attività. Sono molto diversi tra loro i traguardi raggiunti dall’Osservatorio, in questo decennio, ma sono accomunati da un unico denominatore: i contesti insulari.
L’Osservatorio, infatti, ha censito circa 50.000 isole appartenenti agli Stati europei, tra le quali 1.262 abitate. Di queste solo il 27% si trova nel bacino del Mediterraneo. Il primato, in termini di numerosità, è detenuto dal Nord Europa ed in particolare dall’Inghilterra e dalla Finlandia che da sole contano rispettivamente il 19% e il 22% delle isole europee abitate. Nei prossimi anni con la conclusione del processo conseguente alla Brexit la geografia relativa alle isole europee subirà delle modifiche. Le isole europee abitate, quindi, saranno 979 e lo Stato con maggior numero di contesti insulari sarà la Finlandia.

L’Osservatorio ha, inoltre, dato il proprio contributo, in sede europea, per il riconoscimento della condizione di insularità, quale elemento di grande differenza rispetto alle altre realtà territoriali, sostenendo inoltre la necessità di politiche fiscali ad hoc che considerino tale disuguaglianza geofisica. E’ attualmente tra i firmatari del Tourism Manifesto for Growth and Jobs; ha contribuito alla definizione di diversi piani di gestione UNESCO a livello locale; ha partecipato attivamente a diversi progetti europei di ambito turistico/economico ed ha prodotto circa 80 ricerche scientifiche sulle isole.
Il meeting si è concluso con l’Assemblea Generale dell’Osservatorio durante la quale sono stati presentati nuovi dati sulle isole ed è stato ufficialmente modificato il nome dell’ Osservatorio sul Turismo delle Isole Europee in Osservatorio sul Turismo delle Economie delle Isole, per suggellare l’ampliamento del campo di azione di OTIE, non più limitato alle isole europee ma a tutti i contesti insulari.

A partire dal 27 novembre 2017 circa quindici esperti del turismo delle isole, che hanno aderito formalmente durante la conferenza al working group, si metteranno a lavoro per sostenere e sviluppare il turismo insulare.
Il 28 novembre il presidente dell’Osservatorio sul Turismo delle Economie delle Isole, Giovanni Ruggieri, ha preso parte all’European Tourism Day 2017 per dare il proprio contributo nella discussione sull’impatto del cambiamento dei modelli turistici e delle abitudi dei turisti sulle comunità locali.
L’European Tourism Day è una conferenza internazionale organizzata dalla Commissione Europea che vede coinvolti più di 400 partecipanti tra commissari, alti rappresentati della Commissione Europea, alti rappresentati di autorità pubbliche a livello europeo nazionale e regionale e associazioni di settore in qualità di stakeholder.

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.