Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Caltanissetta ultima in Italia, tutto bloccato



 “Caltanissetta, la provincia ultima in italia per qualità della vita.Una provincia da salvare e rilanciare”
CGIL, CISL e UIL,  esprimono un giudizio negativo  visti i numerosi annunci delle istituzioni, mai concretizzati,in materia di finanziamenti per le infrastrutture materiali e immateriali, per la sanità pubblica, per la qualità della vita per lo stato  degli edifici scolastici e per la mancanza di lavoro per le tariffe dei servizi rifiuti e acqua tra le più alte d’Italia e per un livello di povertà relativa che ha raggiunto il 50%.
Nei 22 Comuni non sono più  rinviabili opere infrastrutturali in grado di collegare e rilanciare l’economia sana, il trasporto su gommato,  sul sistema navale e ferroviario, prima avremo risposte concrete prima potremmo affermare che non esiste l’Italia delle due velocità. Questo deve essere l’impegno di chi può e deve decidere, cioè le Istituzioni politiche!
CGIL CISL UIL hanno apprezzato, finalmente dopo 4 anni di sollecito verso i sindaci dei 22 comuni,la  costituzione dell’ A.T.I. (Assemblea Territoriale  Idrica)  che gestirà il sistema idrico integrato e porterà sicuramente enormi vantaggi ai cittadini se amministrata bene.
“È inutile nasconderlo – scrivono Giudice, Gallo, Mudaro e Castania – la provincia di Caltanissetta continua a non avere l’adeguata attenzione da parte di chi può e deve decidere le sorti delle due più grandi aree industriali, Caltanissetta  e Gela e perciò si vedono   costretti a minacciare manifestazioni pubbliche locali o  nazionali  per far sentire il proprio dissenso a questo stato di cose.Un declino che si respira in ognuno dei 22 Comuni  della provincia,con uno spopolamento che è sotto gli occhi di tutti e di conseguenza  una bassa  natalità.
In questo territorio negli anni non sono mancati i finanziamenti ma non si è stati in grado di creare lavoro.Si  fa riferimento ai miliardi del contratto d’area, del patto per l’agricoltura, di tutta l’idea della programmazione negoziata che doveva far vivere un nuovo e sano protagonismo imprenditoriale e invece ha generato macchie nel deserto, capannoni senza alcun perché, se non quello di giustificare la spesa.
CGIL, CISL e UIL hanno messo in evidenza che la qualità della vita dei cittadini  dipende dalla solidità dei trasferimenti finanziari di Stato e Regione ai Comuni, ma  anche da come i Sindaci si adoperano per evitare il collasso dei servizi alla persona, dalla refezione scolastica, al trasporto locale, all’assistenza agli anziani ed inabili.
In questi anni tanti sono stati i beni sequestrati e confiscati per i quali si  propongono  procedure più snelle e veloci per l’assegnazione e per la gestione al fine di offrire prospettive di lavoro ai giovani.
Pertanto le OO.SS si impegnano attraverso un’azione sinergica con tutte  le istituzioni governative, nazionali, regionali e comunali a  trovare modalità che permettano l’uscita da questa situazione drammatica e di crisi in cui desta il territorio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]