Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Camera di commercio del Sud-Est: lo scontro continua



Da una parte c’è la cordata che fa capo a Confcommercio Catania. Dall’altra c’è Confindustria e un altro gruppo di associazioni. L’una sostiene che l’iter di accorpamento delle Camere di commercio del sud-Est (Catania, Siracusa e Ragusa) va avanti. L’altra che replica con una nota rispondendo ai dubbi avanzati dalle sigle che fanno capo a Confcommercio Catania: “La Confcommercio ha notizie di falsi? Corra subito a denunciarli – scrivono le sigle della cordata di Confindustria – con nome e cognome, come abbiamo fatto noi, assumendosene la responsabilità. Se anche Confcommercio ammette che ci sono falsi è una ragione in più per rivedere l’intero procedimento”. Sta di fatto che lo scontro va avanti e non sembra placarsi.

Stamattina la cordata che fa capo a Confcommercio, ha anticipato che è pronta a tutelarsi in sede legale: “Stiamo valutando”, hanno detto più volte riconoscendo però di attendere l’esito della Conferenza Stato Regioni invocato dal ministro Carlo Calenda.

Secondo l’area di Confcommercio “contano gli atti ufficiali che sostanziano, ad oggi, l’iter di accorpamento che ha origine dal Decreto del Ministro dello sviluppo economico 25 Settembre 2015 “Istituzione della Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura di Catania, Ragusa e Siracusa della Sicilia orientale” e si conclude con il Decreto Presidenziale emanato da Crocetta di Costituzione e composizione del Consiglio Camerale a seguito dell’emanazione del D.P.R. n. 694 del 30.12.2016. A meno che chi ha emanato, smentisca se stesso…”. E ribadiscono: “L’attuale legge – dicono – non consente a Siracusa di poter avere una propria Camera non accorpata. Lo dovrebbero sapere Crocetta e l’assessore Maria Lo Bello che hanno chiesto, in tal senso, il parere al ministro, e lo dovrebbe sapere, ma non ne siamo sicuri, lo stesso ministro che rimbalza la palla alla Conferenza Stato Regioni il cui parere, qualunque esso sia, non supera l’attuale normativa. A meno che non si presenti un disegno di legge che modifica i requisiti minimi di sussistenza delle Camere di Commercio previsti dal decreto Madia”.

La cordata di Confcommercio teme il fattore tempo: se si arrivasse a fine del prossimo mese di giugno senza accorpamento, in virtù della riforma Madia, il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, avendone titolo per legge “può ridisegnare a suo piacimento i territori – spiega Riccardo Galimberti, numero uno di Confcommercio Catania -. Potrebbe, accorpare Siracusa e Ragusa, lasciare Catania da sola, unirla a Messina. Non lo sappiamo e non abbiamo alcun ruolo, che dal punto di vista democratico, sembra una bestemmia…”.

Secondo le sigle rappresentate oggi, oltre che da Galimberti anche da Salvo Politino (Confesercenti Ct), Enzo Buscemi (Confcommercio Rg), Giovanni Pappalardo (Coldiretti Ct) e Michele Marchese (Casartigiani Sr), “la legge, sia nella vecchia stesura che nella nuova, consente alla provincia etnea di poter conservare la propria Camera di Commercio senza dover procedere ad alcun accorpamento, in quanto il numero delle imprese attive iscritte alla Camera di Catania supera di gran lunga il minimo previsto dalle normative (prima 80.000 ora 75.000), e, se ciò non bastasse, perché è Città Metropolitana”.

Insomma il caso CamCom  è praticamente un pantano di burocrazia sfociata anche in un’inchiesta giudiziaria e proprio su quest’ultima Galimberti specifica: “I numeri presentati (relativi alle aziende iscritte alle associazioni di categoria ndr) sono stati valutati dagli enti competenti, quanto al reato per cui sono indagato attendo che la procura mi convochi”.

Proprio su cifre, aziende ed associazioni, altri dubbi sono stati sollevati nel corso dell’incontro con i giornalisti: “Come Confcommercio – ha detto ancora Galimberti – abbiamo dichiarato che, in base a notizie a cui fa riferimento lo stesso assessore Mariella Lo Bello, in sede di controllo sarebbero state segnalate oltre 3.800 imprese negli elenchi di due associazioni artigiane aderenti alla cordata contrapposta alla nostra. Notizie che peraltro sarebbero già state trasmesse all’autorità giudiziaria”. Ma questa è un’altra puntata.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]