Shadow

Carrello spesa online batte ogni record, +208% nel 2020

 Effetto Covid-19 sulla spesa degli italiani, che nel 2020 ha messo a segno un aumento del 208% per gli acquisti effettuati via sito e via app. E se per il 60% dei consumatori il carrello si riempie sempre il lunedì mattina, si scopre che Bolzano è la provincia che ha acquistato più frutta e verdura negli scorsi 12 mesi. E’ quanto emerge dal secondo Report Annuale di Everli, il marketplace della spesa online, che fotografa la mappa dei trend dello scaro anno.

e commerce 402822 640

Cambia il modo di fare la spesa, ma anche la scelta dei prodotti più acquistati. Sale al primo posto la categoria frutta e verdura, spodestando formaggi, salumi e gastronomia, che scendono in quarta posizione; seguono gli alimenti per la colazione, dolciumi e snack (2°) e al terzo posto latte, burro e yogurt.

Nella seconda parte della classifica si trovano surgelati e gelati (9°) con i prodotti per la cura e l’igiene personale (10°), che hanno visto moltiplicarsi di oltre 50 volte il volume di ordini rispetto all’anno prima; questo insieme a preparati per pane e pizza fatti in casa (+5.046%) e ai prodotti per la cura delle mani (+4.615%).

Pur con piccole differenze, anche nel 2020 il lunedì mattina è stato il momento preferito per fare la spesa on line, soprattutto tra le 10 e le 11, con il 61% degli italiani che si è affidato all’app, in crescita del +5%.

Carrello on line per tutti, ma con qualche differenza.

L’Emilia Romagna si conferma la regione più sana d’Italia, con 4 province in classifica: Forlì-Cesena e Modena, sul podio rispettivamente al secondo e terzo posto, Bologna (6°) e Parma che scende in picchiata di sette posizioni rispetto al 2019 classificandosi ottava. Rovigo si aggiudica il primato come più golosa e per l’acquisto di alcolici online; seguono Livorno e Forlì-Cesena.

Leggi anche  Coronavirus e cibo, le regole in cucina dello chef Biuso

Gli acquisti più significanti di carne e pesce sono stati registrati in Lombardia, con Lodi al primo posto, con il 36% della spesa complessiva annuale, seguita da Pavia (35%) a pari merito con Rovigo. (ANSA).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.