Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Cassetto tributi, firmata intesa tra Confcommercio e Comune di Palermo



Firmato oggi tra Comune di Palermo, rappresentato dall’assessore ai Tributi Antonino Gentile, e Confcommercio Palermo, guidata dalla presidente Patrizia Di Dio, il protocollo d’intesa per l’accesso ai servizi del “cassetto tributi”. La collaborazione tra Comune di Palermo e Confcommercio punta a raggiungere una serie di obiettivi: semplificazione dei procedimenti amministrativi; minor aggravio degli adempimenti a carico dei contribuenti; accesso ai servizi personalizzati a favore dei cittadini per il tramite del “cassetto tributi”. Del resto, il Comune di Palermo sta puntando, ormai da tempo, alla cosiddetta dematerializzazione e semplificazione dei procedimenti amministrativi nell’ambito della riforma della gestione in ambiente digitale e per i processi di innovazione, finalizzati proprio alla maggiore dematerializzazione cartacea, il Comune di Palermo si è dotato di un sistema informativo gestionale denominato “Cassetto tributi” .

“L’Amministrazione comunale – ha spiegato l’assessore Antonino Gentile vuole aprirsi alla collaborazione e mi fa piacere lo spirito di collaborazione di Confcommercio Palermo, la prima organizzazione con la quale formalizziamo questo atto, in modo da assicurare una assistenza qualificata ai contribuenti con riferimento ai tributi locali gestiti dal nostro Settore Tributi. Confcommercio, dunque, per conto dei propri assistiti, potrà accedere alle informazioni tributarie e ai servizi forniti dall’Amministrazione in assoluta riservatezza mediante il  “Cassetto tributi, che oggi è usato da centomila utenti, il 95% dei quali cittadini ed il resto imprese”.

“Questo accordo è importantissimo – ha aggiunto Patrizia Di Dio – si apre una opportunità per i nostri associati, un canale di comunicazione tra i nostri soci e la nostra organizzazione. Pagare i tributi è un dovere e soltanto chi è in regola può rivendicare diritti e servizi e se gli standard della nostra città non sono abbastanza adeguati in parte la causa si deve anche a chi non contribuisce pagando il dovuto. Sappiamo quanto sia ostico l’argomento tasse e tributi – ha proseguito Patrizia Di Dio – ma con l’intesa di oggi diamo una spinta di collaborazione tra imprese e Amministrazione comunale”.

Confcommercio Palermo avrà la possibilità, in particolare,  di segnalare, per conto e su delega dei soci, per via telematica tramite il “Cassetto Tributi”, eventuali inesattezze riscontrate sulla posizione contributive e  prevenire l’erronea emissione di provvedimenti da parte degli Uffici del Settore Tributi; svolgere, per conto e su delega dei soci, un’attività di monitoraggio delle informazioni tributarie presenti nella banca dati per ottenere, autonomamente ed on line, dati che dovrebbero altrimenti essere richiesti presso gli sportelli degli uffici comunali; inviare telematicamente istanze, dichiarazioni e documentazione; richiedere la rateizzazione degli avvisi di accertamento notificati; effettuare il ravvedimento operoso per i tributi non ancora accertati dall’Amministrazione; infine, compilare on line tramite il “Cassetto Tributi” le richieste di variazione, cessazione, esenzione, agevolazione”.

Confcommercio Palermo, da parte sua, garantirà che le informazioni ottenute non verranno divulgate, comunicate o cedute a terzi, né in alcun modo riprodotte e pertanto impartirà puntuali istruzioni agli incaricati al trattamento dei dati che avranno accesso agli stessi. Confcommercio Palermo si impegna a garantire il monitoraggio delle informazioni contenute nel cassetto tributi dei contribuenti che sono stati assistiti dai propri delegati fino a comunicazione di revoca della delega o, comunque, di cessazione del servizio delegato. Il protocollo d’intesa avrà una validità di tre anni a decorrere dal 13 marzo 2018, data di sottoscrizione, ed è rinnovabile alla scadenza e non comporta alcun onere a carico dell’Amministrazione Comunale.

[themoneytizer id=”16688-19″]

 

“Digitalizzare i servizi tributari è indispensabile – ha spiegato l’assessore Antonino Gentile – Palermo non può avere più code da Terzo mondo con file spaventose di contribuenti e l’uso della cassetto digitale è fondamentale, ma serve anche un cambio di passo culturale nel rapporto tra cittadini-utenti e Pubblica amministrazione. Nella quinta città d’Italia – ha aggiunto Gentile – non è possibile avere un contatto fisso con i dipendenti. Oggi abbiamo trecentomila posizioni da gestire tra utenze domestiche e non domestiche, e non è più possibile gestire tutto attraverso logiche e metodi antichi, in questo senso il mondo delle imprese deve poter dare un importante contributo anche perché si velocizza, si sbaglia meno e si rende un servizio migliore”.

Poi l’assessore Gentile a proposito di servizio agli utenti ha spiegato che “al posto del Bar Lincoln, sfrattato per una morosità di dieci anni, realizzeremo un moderno e civile, un ufficio tributi direttamente sulla piazza Giulio Cesare”. Infine, Gentile ha anche annunciato il cambio di linea da parte dell’Amministrazione comunale sulla riscossione della Tari. “Da maggio a chi riteniamo non abbia pagato la Tari 2017, al contrario di quanto fatto per il 2016 in cui sono stati emessi centocinquantamila avvisi di accertamento, saranno inviate semplici lettere. Chi ha pagato farà una semplice comunicazione entro trenta giorni, chi non ha pagato troverà un F24 con l’importo dovuto col ravvedimento e la sanzione passerà dal 30 al 5%”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]