Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Catania, la Cgil: “Amt e Pubbliservizi nel caos”



Catania – “Debiti e decreti ingiuntivi rischiano di affossare definitivamente l’Amt che vede ora aggravarsi la crisi di gestione con le dimissioni del presidente Puccio La Rosa, già messo in discussione da un procedimento sulla legittimità della nomina. Il caso-Amt si somma a quello della Pubbliservizi, da settimane in attesa di vertici. Cgil, Cisl, Uil e Ugl dicono basta! Non si può giocare sulla pelle di lavoratori e dei cittadini. Enzo Bianco, il sindaco di Catania e della Città Metropolitana da cui dipendono le sorti delle due società partecipate, dica la verità sulla salute e sulle prospettive future di aziende che sono patrimonio collettivo”.
Lo affermano i segretari generali di Cgil, Uil, Ugl Catania Giacomo Rota, Fortunato Parisi e Giovanni Musumeci insieme con i segretari provinciali di Filt Cgil, Uil Trasporti e Ugl Trasporti Alessandro Grasso, Franco Di Guardo e Giuseppe Scannella.

Soffermandosi particolarmente sulla crisi dell’Azienda Metropolitana Trasporti, gli esponenti sindacali aggiungono: “Pretendiamo tutta la verità, senza giri di parole ed omissioni, oppure ulteriori perdite di tempo, perché non si può continuare a giocare sul futuro di un’azienda come l’Amt e sulla pelle dei suoi lavoratori. Il decreto ingiuntivo di Colocoop è l’ennesimo prodotto, di una gestione fino ad oggi poco chiara, che contribuisce rendere ancora più grave una situazione già allarmante”.

“Il tempo delle belle parole e dei proclami è finito – dicono i segretari di Cgil, Uil, Ugl, Filt, Uil Trasporti e Ugl Trasporti – Vogliamo sapere a quanto ammonta il debito attuale e se ci sono altri procedimenti che, come quello giustamente intentato dall’impresa di pulizie, in breve tempo possono decretare un nuovo fallimento dell’azienda ed il rischio di licenziamento per i lavoratori. Dal sindaco pretendiamo chiarezza non solo sulla nomina del presidente, dimissionario assieme al consigliere d’amministrazione Raffaella Mandarano, ma anche sulla mancata nomina del direttore. L’Amt è un patrimonio della città di Catania e del suo hinterland, per questo chiediamo una volta per tutte un sussulto di trasparenza nell’interesse delle centinaia di dipendenti e della cittadinanza che ci chiede di operare per il mantenimento di un servizio e non per accompagnarne il fallimento!”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]