Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Comune di Palermo, Spallitta: “Rendiconto senza correttivi porterà al default”



“Ritengo che l’eventuale approvazione del Rendiconto 2017, senza gli adeguati e fondamentali correttivi, possa determinare un danno all’Erario, con possibili responsabilità dei consiglieri comunali votanti, e un rischio di dissesto del Comune di Palermo”. Lo afferma Nadia Spallitta, già vice presidente vicaria del Consiglio comunale di Palermo, esponente della sinistra cittadina, che definisce “gravi e di difficile soluzione” i rilievi formulati nei giorni scorsi dai Revisori dei conti.


Partendo proprio da questi rilievi Nadia Spallitta sottolinea i seguenti punti:
“Una rilevante discordanza tra la ‘cassa’ vincolata (fondi vincolati) riportata dal tesoriere (circa 96 milioni di euro) e quella determinata dal Comune (circa 201 milioni di euro), con una differenza di 105 milioni che, per il Collegio dei revisori, rappresenta una gestione irregolare dei fondi vincolati.


Ulteriori profili di criticità riguardano le anticipazioni di liquidità della Cassa Depositi e Prestiti, che denotano una carenza di liquidità che non consente una regolare gestione dei pagamenti;
ulteriore elemento di criticità riguarda il Fondo crediti di dubbia esigibilità che, con metodo semplificato utilizzato dall’amministrazione, risulta pari a circa 355 milioni di euro, ma che per i Revisori – con metodo ordinario – ammonta a circa 550 milioni di euro, con una consistente differenza di circa 195 milioni di euro che l’amministrazione dovrà trovare, nell’esercizio 2018, per evitare situazioni di squilibrio;  
fondo da accantonare per i contenzioni: per l’Avvocatura comunale: sono 74 milioni di euro, mentre il Comune accantona circa 50 milioni di euro, con una differenza di 24 milioni di euro che l’amministrazione dovrà necessariamente reperire negli esercizi successivi;
entrate tributarie: il Collegio dei Revisori osserva la scarsa capacità di recupero, sia delle entrate tributarie (nel 2017 ammontano a 521 milioni di euro), sia in relazione al recupero dell’evasione fiscale, che si ferma a una percentuale di riscossione pari  all’1,31; su un’evasione accertata di 92 milioni di euro è stato riscosso un solo milione di euro; oggi, complessivamente, i residui da evasione non riscossi ammontano 180 milioni di euro circa.

Complessivamente, i residui attivi relativi relativi alle entrate tributarie sono circa 460 milioni di euro, mentre il totale dei residui attivi ammonta a 999 milioni di euro;
ugualmente insufficiente è la capacità di riscossione per sanzioni amministrative, che si ferma al 14% (accertati 56 milioni di euro di sanzioni amministrative, riscossi solo 8 milioni di euro, circa il 14%);
l’amministrazione non riscuote i propri canoni di affitto: su 6 milioni di euro di entrate il Comune ha riscosso circa il 16% di tale somma;
costo dei servizi a domanda individuale: pari a circa 23 milioni di euro, con entrate pari a 5 milioni, con una perdita di 17 milioni di euro (ad esempio, per tutte le attività culturali e museali il Comune ha speso 6 milioni e ha avuto entrate per 300 mila euro circa);
elevati i residui passivi, pari a 355 milioni di euro; il limite consentito e del 40%; il Comune raggiunge il 39,75%;
debiti fuori bilancio: quasi 40 milioni di euro, il 5% del bilancio dei Comune; circostanza che viene definita come “grave patologia da rimuovere”; quasi il 55% de debiti fuori bilancio è per i servizi socio-assistenziali;
il rapporto con le società partecipate registra discrasie tra i debiti scritti in bilancio dal Comune e i corrispondenti crediti scritti nei bilanci delle partecipate; in particolare, l’AMAT dichiara di vantare un credito 70 milioni circa, mentre il Comune gliene riconosce 38; la RAP – che peraltro non ha ancora approvato il bilancio 2016 e del 2017 – dichiara di avere un credito dal Comune di 87 milioni di euro circa, mentre il Comune riconosce 79 milioni di euro; l’AMAP dichiara di avere un credito, dal Comune, di circa 15 milioni di euro, mentre il Comune gliene riconosce 11”.
“Complessivamente – conclude Nadia Spallitta – la sofferenza finanziaria del Comune di Palermo è caratterizzata dal superamento di quattro parametri, e da un quinto parametro che è al limite: superato anche quest’ultimo, il Comune è tecnicamente in default. Alla luce della gravità delle osservazioni fatte dai Revisori e della oggettiva difficoltà, da parte del Comune, nel reperire le risorse finanziarie – e trovare quindi gli adeguati correttivi – dubito fortemente che questo Rendiconto possa essere approvato dal Consiglio comunale”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]