Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Continua a volare l’e-commerce anche in estate, ma cosa cercano gli italiani online?



Non conosce freno il settore dell’e-commerce, che nei primi mesi di questo 2020 ha visto aumentare vertiginosamente la sua quota di mercato. Gli italiani, forzati anche e soprattutto dalle necessità emerse durante il lockdown, hanno finalmente scoperto la comodità dei mercati digitali, provocando un vero e proprio boom nel settore degli acquisti online che però non sembra avere intenzione di arrestarsi. Anche a mesi di distanza dalla quarantena, infatti, gli ultimi dati parlano di una tendenza che prosegue spedita, e di abitudini d’acquisto forse irrimediabilmente modificate.

Continuano a crescere gli e-commerce

Analizzando le statistiche dell’ultimo anno è evidente come la penetrazione del mondo dell’e-commerce nelle nostre vite sia decisamente cresciuta rispetto al totale retail, passando dal 6 all’8% e dando quindi un impulso non indifferente al tentativo di ripresa economica del paese. E le proiezioni che fa il Politecnico di Milano sull’intero 2020 non sono da meno: l’accelerazione nella crescita degli acquisti online dice che l’intero settore e-commerce raggiungerà un valore di ben 22,7 miliardi di euro, 4,7 miliardi in più rispetto all’anno precedente con un aumento percentuale del 26%. Numeri impressionanti che la dicono lunga sulle nuove abitudini di acquisto degli italiani.

Cosa acquistano gli italiani online?

Gli aumenti degli acquisti online hanno interessato praticamente tutte le categorie merceologiche dei prodotti, alcuni in percentuali più alte degli altri, ma comunque con un’ascesa costante. Al primo posto in questa speciale classifica ci sono gli acquisti nel settore della moda, il che non stupisce: nei grandi store online si può trovare da tempo una maggior varietà di prodotti, ma anche accessori di alta moda come possono essere le scarpe Alexander McQueen, o di altri marchi di lusso, a prezzi più competitivi rispetto ai classici store. Al secondo posto ci sono le spese fatte online per la prenotazione di viaggi, seguite a ruota dai prodotti di elettronica e tecnologia: tutte categorie che storicamente hanno venduto molto sul web. Ci sono però comparti emergenti che stanno dando una spinta consistente, come il food&grocery, l’arredamento e la cura della persona, in cui gli acquisti online si sono impennati durante la quarantena e che adesso sono rimasti su livelli piuttosto elevati.

Cosa ha cambiato il lockdown

Andando più a fondo, e nello specifico per quanto riguarda le abitudini di acquisto che hanno seguito gli italiani durante il periodo della quarantena, ci sono alcuni prodotti in particolare che sono andati letteralmente a ruba negli store online, arrivando anche a non essere disponibili per lunghi periodi. A spopolare nell’e-commerce è stata la vendita di stampanti, fondamentali per stampare l’autocertificazione richiesta per gli spostamenti durante il lockdown, e con esse ovviamente anche le cartucce d’inchiostro. Il boom vero e proprio però l’hanno fatto i prodotti per la salute e cura della persona, su tutti ovviamente mascherine protettive, gel igienizzanti e guanti monouso; nella stessa categoria anche i dispositivi per misurare la saturazione dell’ossigeno nel sangue e, forse stranamente, i rotoli di carta assorbente. Grandi numeri anche per i giochi di società, un modo come un altro per passare il tempo chiusi in casa, così come prodotti di informatica come pc e tablet. Da non dimenticare infine gli acquisti per gli animali domestici come guinzagli, salviette disinfettanti e collari.

Il lockdown ha certo cambiato le nostre abitudini di acquisto ma, certo, non potevamo aspettarci che il cambiamento sarebbe stato così profondo e duraturo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]