Shadow

Covid, il dramma dei centri commerciali

Da un lato ci sono i proprietari dei centri commerciali, dall’altro i commercianti che hanno in affitto i negozi all’interno delle gallerie. Ed è uno scontro quello che rischia di andare in scena. Uno scontro che l’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano vuole evitare ed è per questo che ha convocato i proprietari dei centri commerciali e le associazioni datoriali.

«Il contesto di contrazione economica determinato dalla pandemia è indubbiamente gravoso per i centri commerciali e per coloro che vi operano all’interno. Per questo abbiamo fortemente voluto un momento di confronto sulle problematiche di queste realtà» dice l’assessore alle Attività produttive. «Una situazione che desta molta preoccupazione – spiega l’esponente del governo Musumeci – è quella che riguarda le difficoltà degli affittuari sul pagamento dei canoni di locazione. Si tratta di un tema che va affrontato complessivamente, tenendo chiaramente presenti le singole e apprezzabili iniziative di alcune proprietà». «Il nostro obiettivo – conclude Turano – è accendere i riflettori sulle necessità di queste realtà: chiedere i ristori necessari al governo nazionale e soprattutto di evitare uno sterile e inutile muro contro muro tra affittuari e proprietari dei centri commerciali». 

shopping mall 522619 640

Sul fronte dei commercianti è scesa in campo Confesercenti: “I negozi sono schiacciati dalle chiusure obbligate, dai mancati ristori e dalle fatture di affitto. Trovare accordo con i Centri commerciali per evitare la chiusura delle attività”

“Andare in soccorso dei negozi all’interno dei centri commerciali costretti a rimanere chiusi durante le festività natalizie e nei weekend del periodo dei saldi ed in gravi difficoltà” ha chiesto oggi Confesercenti Sicilia nel corso dell’incontro online convocato dall’assessore regionale alle Attività produttive Girolamo Turano e che ha visto riunite associazioni datoriali e numerosi proprietari delle gallerie commerciali dell’Isola.

Leggi anche  Aree di crisi non complessa, Gregory Borgiorno (Sicindustria) scrive ai sindaci del trapanese

“Siamo di fronte ad un’emergenza – dice Michele Sorbera, direttore di Confesercenti Sicilia  – I contratti all’interno dei centri commerciali prevedono un affitto minimo garantito calcolato sulla normalità degli incassi e non certo su un periodo disastroso come l’anno che ci siamo lasciati alle spalle. Tutto questo significa che a fronte di un crollo di vendite e incassi, le imprese si trovano a pagare un canone minimo diventato insostenibile. Con l’aggravante che le attività all’interno dei Centri commerciali, anche durante la zona gialla e arancione, non hanno avuto e continuano a non avere diritto ai ristori”.

In tutta Italia sono circa 80 mila gli esercizi all’interno dei Centri commerciali e tra Palermo  e provincia se  ne contano circa 300. A molti di questi punti vendita nelle ultime settimane sono arrivate le richieste di pagamento di fine anno. “Il problema degli affitti – spiega Massimiliano Mangano, titolare di negozi all’interno di Centri commerciali e vice presidente di Confesercenti Palermo – si è posto per tutti e c’è anche chi in via Libertà, ad esempio, ha chiuso perché non riusciva più ad ammortizzare i costi, ma per i proprietari di negozi all’interno dei Centri commerciali le chiusure nei weekend del periodo festivo e delle prime settimane dei saldi, unite a quelle per la zona rossa nel mese di gennaio, sono state una mazzata ulteriore. Abbiamo avuto un calo di oltre il 60% degli incassi che non permette di ammortizzare i costi”. Proprio a Palermo, una delle situazioni più tese con i maggiori centri commerciali che hanno disertato l’incontro convocato dall’Assessore “a cui – dicono i dirigenti di Confesercenti – va dato atto dell’attenzione dimostrata”.    

Leggi anche  Anticorruzione, Chiara Venuto a workshop a Berlino

Già ad inizio dicembre, Confesercenti aveva presentato un ricorso nazionale al Tar per impedire sul nascere la chiusura dei negozi all’interno dei centri commerciali e per “evitare di creare non solo un danno economico irreparabile alle imprese, ma che si potesse introdurre anche un elemento distorsivo della concorrenza con negozi della stessa tipologia, all’esterno dei centri commerciali aperti”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.