Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Crisi idrica, l’assessore Contrafatto: “Migliorano i livelli di acqua”



PALERMO – “Le piogge di questi ultimi giorni stanno facendo registrare un lieve miglioramento dei livelli d’acqua degli invasi siciliani, il che ci rende cautamente ottimisti per il futuro”. A parlare è l’assessore regionale Vania Contrafatto che continua: “La Regione – ha scritto su Facebook l’assessore – continuerà a monitorare la situazione e farà il punto tra 15 giorni con i gestori”.

Torna l’ottimismo anche per quanto riguarda Palermo: “L’aumento di 1,5 milioni di litri d’acqua allo Scanzano – dice l’assessore – consente a Rosamarina di poter rispondere alle necessità degli agricoltori. Inoltre l’Amap, su nostra richiesta, si è detta disponibile a effettuare in due mesi un intervento tampone per la riattivazione di Scillato e, nel frattempo, si accelereranno le procedure per l’approvazione del progetto che consentirà di realizzare l’intervento finanziato con le somme del Patto per la Sicilia che dovrebbe risolvere definitivamente il problema. Si allontana così l’ipotesi di una turnazione idrica, che speriamo di poter scongiurare del tutto in futuro. Voglio ringraziare pertanto tutti i soggetti istituzionali coinvolti, in primis il comune di Palermo, che stanno collaborando per la risoluzione dei problemi nell’interesse dei cittadini”.
A Palermo è stato deciso di intervenire per evitare il peggio: l’Amap ha proposto di realizzare una condotta temporanea in Kevlar di circa 1,8 chilometri, sul modello adottato a Messina alla fine del 2015, dando al contempo massima disponibilità a sostenere interamente a proprio carico, gli oneri dell’intervento, stimato in circa 1.300.000 euro.

I lavori partiranno nelle prossime settimane e permetteranno, entro la fine di marzo, di riattivare il collegamento idrico con la città di Palermo, garantendo un’erogazione di circa 400/600 litri d’acqua al secondo, altrimenti destinati a disperdersi in mare. Un dato assolutamente considerevole, dal momento che attualmente a Palermo il totale erogato si attesta sui 2450 litri d’acqua al secondo. “Nelle more che si attivino i fondi del Patto per la Sicilia – ha detto il sindaco Leoluca Orlando -, che permetteranno alla Regione di fare un intervento più complessivo anche sulla frana, la soluzione adottata dall’Amap permetterà di alleviare in modo significativo i problemi della città di Palermo. Un motivo ulteriore perché non si prendano al momento provvedimenti di turnazione idrica, la cui attuazione – se sarà necessaria – dovrà essere fatta dando adeguata e tempestiva informazione ai cittadini”.

Ma il segretario della Filctem Cgil Palermo Francesco Lannino e Nino Musso, rappresentante Filctem Cgil di Amap dicono: “Apprendiamo con piacere la notizia che finalmente si interviene sul gato della condotta idrica di Scillato, recuperando 600 litri di acqua al secondo che si disperdono in mare, uno spreco orrendo. Tuttavia si tratta di un intervento in emergenza e non ancora dell’intervento definitivo, per il quale da tempo chiediamo di accelerare i lavori”.
La Cgil Palermo e la Filctem Palermo chiedono contestualmente alle istituzioni che gestiscono gli invasi di uscire dalla logica dell’emergenza e di imprimere un’accelerazione a tutte quelle opere che possono consentire il ritorno a una normale erogazione idrica. “In particolare, chiediamo di procedere con i lavori di verifica dello stato della diga di Rosamarina che, con la sua capienza di 100 milioni di metri cubi d’acqua, è l’impianto fondamentale per il servizio idrico sia della città di Palermo che della campagna – aggiungono Lannino e Musso – Si sta perdendo troppo tempo. I lavori, che hanno determinato lo svuotamento parziale dell’impianto, vanno a rilento. Il problema vero della carenza idrica di Palerrmo non sono gli invasi svuotati per la siccità ma i guasti non riparati da anni e i lavori di riparazione in corso che procedono con lentezza. Chiediamo alla Regione, che gestisce la diga Rosamarina, un programma certo dei lavori con tempi definiti di inizio e fine”.
Oltre all’emergenza bisogna pensare all’urgenza delle iniziative per garantire il ritorno a una regolare gestione del servizio idrico. Lo chiede la Cgil di Palermo. “Bisogna sostituire agli interventi emergenziali un’azione urgente per far sì che condotte e invasi vengano messi in funzione a regime – dichiara Mario Ridulfo, Cgil Palermo – Bisogna identificare le responsabilità. Sulla gestione dell’acqua si sono intrecciate politiche fallimentari, come è il caso di Aps, di cui ora paghiamo il conto. E’ evidente che le soluzioni tampone non bastano. Scillato continua a buttare acqua a mare con tutta la neve e la pioggia di questi giorni e la diga Rosamarina non si è potuta riempire per i lavori in corso. Il problema resta quello di una razionalizzazione nella gestione delle acque. E oltre agli interventi su Palermo città resta il dramma di intere comunità della provincia di Palermo che soffrono per la carenza d’acqua e non fanno notizia”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]