Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Dall’effetto Ronaldo al flop della Nazionale: così cambia il mercato del calcio per gli italiani



Gli italiani non hanno dubbi: a vincere il prossimo campionato di calcio sarà ancora la Juventus. La pensa così il 47% degli intervistati da Findomestic per il nuovo Osservatorio mensile realizzato in collaborazione con Doxa. Un pronostico su cui ‘pesa’ l’effetto Cristiano Ronaldo: lo scorso anno la Vecchia Signora – secondo le rilevazioni della società di credito al consumo del Gruppo BNP Paribas – aveva collezionato ‘solo’ il 29% delle preferenze.


NAPOLI ‘SU’, MILAN ‘GIÙ’. Juve a parte, per la stagione 2018-2019 il Napoli è la squadra favorita secondo il 15% degli italiani, mentre risultano in calo le quotazioni delle squadre milanesi con il 10% di voti per i nerazzurri e la metà (5%) per i rossoneri. La Roma raccoglie il 7% di preferenze, superando così il Milan nel ranking delle possibili vincitrici. Per l’86% degli italiani il fatturato di un club sportivo pesa anche sulla performance delle squadre. Per questo motivo gli italiani tendono a tenersi aggiornati sulla situazione finanziaria delle principali squadre di calcio italiane (48%).

ITALIA OUT DAL MONDIALE, CALA LA PASSIONE TRA I TIFOSI. Findomestic ha sondato anche le reazioni dei tifosi italiani all’esclusione della Nazionale dai Mondiali di calcio in Russia. Se per 6 su 10 la mancata qualificazione degli Azzurri non ha avuto ripercussioni sulla propria passione, il 13,4% afferma di aver “perso l’interesse nel calcio in generale”, tanto che un 2% è addirittura deciso a non seguire più neppure le partite del club preferito. Viceversa, il 10% è motivato a sostenere con maggiore interesse i prossimi match della Nazionale, mentre l’11% travaserà la propria voglia di tifo dalla maglia azzurra a quella della squadra del cuore.

 

IL 5,5% ALLO STADIO, IL 29% DAVANTI ALLA PAY-TV. Il 5,5% del campione interpellato da Findomestic ha intenzione di sottoscrivere un abbonamento allo stadio per la prossima stagione calcistica. Tuttavia per il 28% gli stadi sono troppo cari, per il 24% troppo lontani e per l’11% poco sicuri. Nella maggior parte dei casi (62%) l’abbonamento verrà acquistato in un’unica soluzione e con una spesa inferiore ai 400 euro (57%), anche se nel Nord-Est c’è un 18,5% pronto a sborsare tra gli 800 e i 1000 euro. Il 38% degli italiani che non intende andare allo stadio dichiara di preferire la TV (propria o a casa di amici) per vedere le partite di calcio. Quasi 3 italiani su 10 (29% degli intervistati da Findomestic, con un picco del 34% al Sud) affermano di essere intenzionati a sottoscrivere un abbonamento alla pay-tv per il prossimo anno: un dato in calo rispetto all’anno scorso, quando la percentuale sfiorava il 37%. Il 14%, invece, pensa di seguire le partite sui portali online di streaming gratuito e il 6% attraverso le radiocronache.

MERCHANDISING, SPESA MEDIA DI 73 EURO. Per quanto riguarda i gadget e il merchandising, il 20% degli italiani dichiara di aver fatto acquisti nell’ultimo anno: l’80% di questi ha speso meno di 100 euro (73 euro in media) . Il 21% degli italiani intervistati da Findomestic ha almeno un figlio che coltiva la passione per il calcio attraverso la pratica di questo sport. Le famiglie italiane spendono mediamente 352 euro per la scuola di calcio dei figli (dato in linea con lo scorso anno).

LE FONTI DI INFORMAZIONE PRINCIPALI. Il 34% degli italiani non segue direttamente le partite, ma si limita a tenersi aggiornato sui risultati attraverso altri mezzi di informazione (web, TV, social, giornali…). Per l’83% degli italiani la fonte principale di informazioni sul calcio rimane la televisione. Il 41% ricerca le informazioni sul web e il 20% sui social network. Solo il 13% dichiara di informarsi attraverso giornali e riviste specializzate sul calcio.

CALCIO, I PIÙ APPASSIONATI SONO I 35-44ENNI. Il 79% della popolazione italiana attiva tra i 18 e i 64 anni (e pensionati delle stesse classi di età) si dichiara interessato al mondo del pallone. Per il 18% degli italiani, soprattutto maschi di età compresa tra i 35 e i 44 anni (24%), il calcio rappresenta una vera e propria passione. Il 26% si considera abbastanza interessato al calcio e il 35% si dichiara un tifoso occasionale, attivo solo nei momenti salienti delle competizioni nazionali e internazionali. Il 21%, invece, non ha alcun interesse verso questo sport. Le donne dichiarano di essere soprattutto tifose occasionali (45%): seguono con interesse le partite della Nazionale e le competizioni più importanti come gli Europei o i Mondiali.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]