Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Denominazione di origine protetta per i Capperi delle Eolie



L’8 maggio sarà il giorno ufficiale della nuova Denominazione di origine protetta (Dop) Capperi delle Eolie: con la pubblicazione in Gazzetta sarà dunque ufficiale la nuova denominazione italiana. Nessuno Stato membro della Comunità europea si è opposto alla creazione della nuova Dop e quindi l’iter ha superato indenne la trafila burocratica e adesso diventa ufficiale. La nuova Dop, dunque, rivoluziona il mondo dei capperi eoliani. Da sempre, da queste parti, la Dop è stata vista come opportunità, soprattutto in termini di promozione e che servirà a fare da trait d’union fra i vari territori che da secoli producono i capperi. Il consorzio dei Capperi delle Eolie è composto da una sessantina di aziende delle isole. Il diciplinare prevede la possibilità di poter coltivare capperi su tutte e sette le isole che formano l’arcipelago delle Eolie, tutelato anche dall’Unesco. Quelle più vocate sono sempre Salina e Lipari, ma si ottengono buoni prodotti anche ad Alicudi e Stromboli.

L’identità delle isole sarà sempre mantenuta in etichetta, perché i produttori, o chi venderà i capperi, potranno inserire in etichetta l’isola di origine dei capperi stessi. Una dop, dunque, che intende unire le sette isolette del Tirreno un po’ come aveva fatto la Doc Malvasia delle Lipari che all’inizio era stata vista come uno “scippo” dell’isola di Lipari a Salina, ma che invece ha contribuito a diffondere questo prodotto nel mondo grazie all’antico nome dell’arcipelago messinese.

Oggi la produzione di capperi si attesta sulle 600/700 quintali all’anno. Circa la metà dei capperi delle Eolie, in questo momento, provengono da Salina. Un chilo di capperi viene venduto ad un prezzo medio di 15 euro al chilo. La Dop, però, ha l’obiettivo di far aumentare questa produzione, visto che il mercato ha una domanda che non riesce a soddisfare tutti gli anni. Il disciplinare prevede anche la possibilità di produrre capperi e di venderli a chi li può commercilizzare. Il ruolo che nel mondo del vino viene definito del “conferitore”. Si potrà, inoltre, prevedere una linea “non dop”. Ma non sembra una scelta logica. La certificazione dei capperi e quindi i relativi contorlli sul rispetto del disciplinare, saranno affidati all’istituto zooprofilattico di Palermo. (articolo tratto dal giornale Cronache di Gusto)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]