Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Denominazione di origine protetta per i Capperi delle Eolie



L’8 maggio sarà il giorno ufficiale della nuova Denominazione di origine protetta (Dop) Capperi delle Eolie: con la pubblicazione in Gazzetta sarà dunque ufficiale la nuova denominazione italiana. Nessuno Stato membro della Comunità europea si è opposto alla creazione della nuova Dop e quindi l’iter ha superato indenne la trafila burocratica e adesso diventa ufficiale. La nuova Dop, dunque, rivoluziona il mondo dei capperi eoliani. Da sempre, da queste parti, la Dop è stata vista come opportunità, soprattutto in termini di promozione e che servirà a fare da trait d’union fra i vari territori che da secoli producono i capperi. Il consorzio dei Capperi delle Eolie è composto da una sessantina di aziende delle isole. Il diciplinare prevede la possibilità di poter coltivare capperi su tutte e sette le isole che formano l’arcipelago delle Eolie, tutelato anche dall’Unesco. Quelle più vocate sono sempre Salina e Lipari, ma si ottengono buoni prodotti anche ad Alicudi e Stromboli.

L’identità delle isole sarà sempre mantenuta in etichetta, perché i produttori, o chi venderà i capperi, potranno inserire in etichetta l’isola di origine dei capperi stessi. Una dop, dunque, che intende unire le sette isolette del Tirreno un po’ come aveva fatto la Doc Malvasia delle Lipari che all’inizio era stata vista come uno “scippo” dell’isola di Lipari a Salina, ma che invece ha contribuito a diffondere questo prodotto nel mondo grazie all’antico nome dell’arcipelago messinese.

Oggi la produzione di capperi si attesta sulle 600/700 quintali all’anno. Circa la metà dei capperi delle Eolie, in questo momento, provengono da Salina. Un chilo di capperi viene venduto ad un prezzo medio di 15 euro al chilo. La Dop, però, ha l’obiettivo di far aumentare questa produzione, visto che il mercato ha una domanda che non riesce a soddisfare tutti gli anni. Il disciplinare prevede anche la possibilità di produrre capperi e di venderli a chi li può commercilizzare. Il ruolo che nel mondo del vino viene definito del “conferitore”. Si potrà, inoltre, prevedere una linea “non dop”. Ma non sembra una scelta logica. La certificazione dei capperi e quindi i relativi contorlli sul rispetto del disciplinare, saranno affidati all’istituto zooprofilattico di Palermo. (articolo tratto dal giornale Cronache di Gusto)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]