Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Design: Antico Frantoio Vallone sceglie ancora l’Università per rifarsi il look



Dopo aver sperimentato con la facoltà di Agraria un macchinario innovativo per migliorare la qualità dell’olio, l’Antico Frantoio Vallone – impresa fondata nel 1904 – si rivolge nuovamente all’Università di Palermo: stavolta per “rifarsi il look”.
Gli studenti del Laboratorio di comunicazione visiva, coordinati dal professore Dario Russo, si occuperanno infatti della nuova immagine integrata dell’ultracentenaria azienda di Alcamo: dal restyling del logo alle etichettature, passando per brochure e carta intestata. Con l’obiettivo di fornire un denominatore comunale a tutta la “filiera” della comunicazione aziendale.
Giunta alla quarta generazione, l’impresa olearia vuole aprirsi maggiormente all’esterno per continuare a crescere. Presente lo scorso anno ad Expo nel cluster Bio-Mediterraneo, l’Antico Frantoio Vallone ha lanciato la sfida ai mercati esteri per aumentare le esportazioni.
“Oltre alla produzione di ben cinque oli extravergine, alcuni dei quali premiati da Slow Food e Gambero Rosso, – spiega Marcello Vallone, uno dei titolari – grazie alla collaborazione con una ventina circa di aziende agricole siciliane, abbiamo allargato la nostra offerta anche al vino, alle conserve ed alla pasta. Adesso abbiamo la necessità di comunicare con più efficacia i nostri valori aziendali e la qualità di prodotti biologici interamente Made in Sicily”.
All’interno del Laboratorio di comunicazione visiva, gli aspiranti designer destinati a questo progetto sono stati suddivisi in cinque gruppi da tre. Ognuno dei quali realizzerà tutti gli artefatti comunicativi richiesti: al termine del Laboratorio, l’Antico Frantoio Vallone selezionerà il lavoro di un solo gruppo. “L’esperienza fatta con l’Università – aggiunge Vallone – ci ha già dato un valore aggiunto. Con la facoltà di Agraria infatti abbiamo realizzato una gramula sperimentale: un macchinario ad atmosfera controllata in grado di regolare la quantità di ossigeno ed evitare l’ossidazione delle olive dopo la tritatura. Siamo sicuri, anche stavolta, che gli studenti sapranno interpretare al meglio le nostre esigenze, dandoci una mano in termini di innovazione e sviluppo”.
“Accade spesso in Sicilia – conclude il professore Russo – che un’azienda il cui prodotto è d’indubbia qualità non si preoccupi allo stesso modo di come questo viene comunicato e arrivi dunque al possibile acquirente né, in definitiva, della propria immagine. Al contrario, Vallone investe ora sulla sua corporate image, ma ancor più sull’Università e sui giovani”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]