Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Esame di abilitazione per avvocati 2015, il Cga: “Vanno ricorretti gli elaborati degli esclusi”



Si riaprono i giochi per l’esame di abilitazione degli avvocati. Le prove svolte tra il 15 e il 17 dicembre 2015 dovranno essere riviste da nuove commissioni. Lo ha disposto il Cga, con una ordinanza che ha accolto il ricorso di una settantina di palermitani e una decina di messinesi rappresentati dagli avvocati Francesco Leone, Simona Fell e Diego Vaiano. Secondo i giudici amministrativi, la commissione si sarebbe limitata a esprimere un voto numerico, senza esplicitare le motivazioni alla base di quella valutazione. Sono state dunque bocciate le tesi difensive dell’Avvocatura di Stato.

Il Cga ha disposto che “gli elaborati vengano nuovamente sottoposti a correzione da parte di diverse Commissioni con l’adozione di misure che valgano ad assicurare l’anonimato dei compiti medesimi entro novanta giorni dalla notificazione o comunicazione della presente ordinanza”. E in particolare, “i compiti da riesaminare (in fotocopia nella quale saranno resi illeggibili eventuali segni e giudizi precedenti) – si legge nell’ordinanza – saranno fatti pervenire a due nuove diverse commissioni in due diversi plichi (uno per tipologia di compito), in ciascuno dei quali saranno inseriti il compito da rivalutare del candidato in questione accompagnato da quattro ulteriori compiti. Di tali quattro compiti due – prosegue l’ordinanza – saranno tratti a sorte tra quelli giudicati sufficienti e due estratti a sorte tra quelli giudicati con votazione insufficiente. La Commissione esprimerà sui cinque compiti inclusi in ciascun plico il proprio motivato giudizio di sufficienza o insufficienza”.Tali modalità precise di rivalutazione sono state espresse dal Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione Siciliana nelle ordinanze n. 794 e 795 del 2016.

“Eravamo sicuri – dicono gli avvocati Leone, Fell e Vaiano – della bontà delle nostre censure, avevamo mostrato consapevolezza nei nostri mezzi anche quando in molti criticavano la nostra campagna. Una vittoria fondamentale, che il nostro studio legale aveva comunque previsto. La mancanza di motivazione, alla base del nostro ricorso, – proseguono – è stata decisiva per i giudici. Inserire annotazioni dirette sull’elaborato da esaminare, invero, ha il preciso intento di incrementare il grado di trasparenza dei procedimenti di accesso alla professione. Inoltre, l’espressa motivazione sarebbe maggiormente attuativa dei principi ricavabili dagli articoli 24, 97 e 113 della Costituzione, con la precisazione che ben potrebbe il buon andamento conciliarsi con la trasparenza ed efficienza attraverso una gamma di soluzioni varie”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]