Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Esperti nella gestione della crisi da sovraindebitamento, Master di II livello alla Lumsa di Palermo



Un nuovo Master di secondo livello, organizzato dalla Master School dell’Università Lumsa sede di Palermo, in gestione e composizione della crisi da sovraindebitamento. Il percorso è stato progettato in partnership con l’Associazione nazionale «I Diritti del Debitore» e rilascia un titolo idoneo all’abilitazione all’esercizio dell’attività di Gestore della crisi, oltre che per l’iscrizione al costituendo “Albo degli incaricati della gestione e del controllo nelle procedure”, particolarmente rivolto ad avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro e notai. Il percorso formativo prevede 310 ore di lezione (60 Cfu), in aula oppure a distanza con partenza a marzo 2021. 

Cosa prevede la legge

La legge n. 3 del 2012 (definita “salva suicidi”) ha introdotto tre procedure per permettere un’uscita al debitore civile (ovvero il piccolo imprenditore commerciale, ma anche consumatori, professionisti, imprenditori agricoli, start up innovative e in genere i soggetti non fallibili): l’accordo di ristrutturazione del debito, il piano del consumatore (accessibile solo al consumatore per l’appunto) e la liquidazione del patrimonio. Una legge ancora conosciuta – nonostante risalga al 2012 – il cui obiettivo è di dare ai debitori l’opportunità di superare lo stato di crisi con effetti esdebitatori e di riacquistare una funzione attiva nell’economia (si tratta del fenomeno definito nel mondo anglosassone come “fresh start”), con benefici a cascata per l’intera collettività. 

La Legge n. 3/2012 verrà sostituita dal Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, frutto di una riforma attesa da tempo e la cui entrata in vigore è stata rimandata dalla legislazione emergenziale-Covid al primo settembre 2021, nel quale le tre procedure continueranno a vivere sia pure con qualche modifica. Tutte e tre le procedure ruotano attorno alle figure centrali dell’organismo di composizione della crisi ed ai gestori della crisi. Per svolgere la funzione di gestore sono richiesti particolari requisiti di onorabilità, professionalità, formazione ed aggiornamento, trattandosi di un incarico che richiede specifiche cognizioni ed esperienza nelle materie giuridiche ed economiche, con particolare riferimento alle procedure concorsuali ed alle esecuzioni mobiliari ed immobiliari.

L’offerta Lumsa 

Da qui l’offerta della Master School dell’Università LUMSA. “L’obiettivo è quello della formazione di professionisti i quali, oltre a spendere il solido bagaglio formativo e professionale acquisito sulle materie oggetto di insegnamento in un delicato mercato delle professioni qual è quello del diritto della crisi d’impresa e dell’insolvenza, siano in grado di valutare gli elementi psicologici e psicopatologici del sovraindebitamento stesso, nel contemperamento delle istanze e delle esigenze di creditori e debitori, nell’ottica ultima della sempre attenzione e ascolto della persona umana che caratterizza la vocazione formativa, universitaria e post universitaria, della LUMSA”, spiegano i direttori del corso, Pietro Virgadamo (associato di istituzioni di diritto privato) e Vincenzo Battiloro (docente a contratto di diritto commerciale), “ora più che mai, quindi, si pone l’opportunità di acquisire una professionalità giuridico-economica, quale quella conseguibile col nostro Master, tale da permettere di affrontare le sicure sfide che l’attuale emergenza sanitaria, ma soprattutto la sua fine, pongono sul tappeto”.

I Partners

Partners del Master sono la Regione Siciliana, la CCIAA di Palermo ed Enna, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo, il Consiglio Notarile dei Distretti riuniti di Palermo e Termini Imerese e Magistra Group.

Le iscrizioni sono aperte fino al 26 febbraio 2021. Oltre ai 60 CFU, il Master permette agli avvocati di conseguire 20 crediti formativi professionali; 10 per i Dottori Commercialisti.

Per info: Vincenzo Battiloro (vincenzo.battiloro1@gmail.com) e Pietro Virgadamo (p.virgadamo1@lumsa.it).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]