Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ex Fiat Termini Imerese: piano Blutec a rischio, Invitalia chiede revoca fondi



Rischia di naufragare col botto il piano di rilancio dell’ex stabilimento Fiat di Termini Imprese. Lo racconta oggi Il Fatto quotidiano che al piano della Blutec dedica un’approfondita inchiesta. Lunedì in un incontro al Mise l’azienda che fa capo all’imprenditore torinese Roberto Ginatta ha spiegato che l’attuazione del piano industriale slitterà di un anno e il Mise si è impegnato a prorogare la Cig per un altro anno.

“Il guaio – scrive Il fatto quotidiano – riguarda i soldi pubblici finora arrivati al gruppo”. A Blutec spostano quattro milioni a fondo perduto e 67 milioni di prestiti agevolati: nel 2016 Invitalia ha versato un acconto di 20,1 milioni sui prestiti regionali. “Questi soldi – scrive Il Fatto – andrebbero rendiconti ma finora Blutec non ha spiegato come li ha spesi prendendo tempo con una serie di lettere che hanno spinto Invitalia a chiedere la revoca del finanziamento”. Lunedì scorso l’azienda ha assicurato che presenterà il rendiconto il 16 marzo ma se non accade rischia di saltare tutto. Quei soldi sono garantiti da un’ipoteca sullo stabilimento regalato a da Fiat a Blutec.

“A gettare un’ombra sul progetto – scrive Il Fatto – c’è poi la debolezza finanziaria del gruppo. Per rilevare lo stabilimento di Termini Imprese Metec ha fuso Blutec in tutte le attività italiane. Quest’ultima ha chiuso il bilancio 2016 (l’ultimo disponibile) con un utile di 4 milioni, un fatturato di 90 milioni e debiti per 130 milioni, di cui 28 milioni con le banche (per oltre metà a breve scadenza) e altrettanti verso l’Erario e enti di previdenza”. La società ha spiegato ai rappresentanti sindacali di aver avviato la negoziazione per arrivare a una rateizzazione per i contributi  dei dipendenti non versati all’Inps e al fondo Cometa e a Termini deve fare i conti con il Comune che chiede i 2 milioni di Imu e Tari non pagate.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]