Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Frane, incendi e incuria minacciano Macari, presentata interrogazione



“Nonostante il successo internazionale dell’omonima fiction, Macari, frazione di San Vito Lo Capo, in Sicilia, rischia di sparire, vittima degli incendi e del dissesto idrogeologico, ma soprattutto di troppi anni di incuria da parte delle pubbliche amministrazioni. Il Governo deve intervenire prima che sia troppo pardi. Ho presentato a tal fine, insieme al collega Pino Cabras, un’interrogazione al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della cultura, al Ministro del turismo, al Ministro per il sud e la coesione territoriale e al Ministro della transizione ecologica. Macari, in provincia di Trapani, è un borgo marinaro che si affaccia sull’omonimo golfo, in un territorio dove si trovano alcune tra le più belle spiagge dei Mediterraneo”. A dichiararlo Raffaele Trano (L’Alternativa C’è), membro della Commissione bilancio alla Camera.

macari

La serie televisiva con Claudio Gioè, girata in quei luoghi, ha affascinato il grande pubblico, facendo diventare ancor più quell’area un attrattore per il turismo internazionale. Macari, però, ha subito un evento franoso già nel 2001 e, in base alle informazioni in mio possesso, non sono mai state collaudate le reti paramassi, nemmeno dopo che due spaventosi incendi le hanno attaccate, nel 2012 e nell’estate 2020. Quest’ultimo rogo ha anche rischiato di distruggere per sempre la Riserva dello Zingaro. Non è stato dato seguito alle disposizioni della Protezione civile nazionale, che imponeva la messa in sicurezza e il rimboschimento dell’area, e incredibilmente l’amministrazione di San Vito Lo Capo si è limitata a porre nella frazione un cartello che “consiglia” ai residenti e ai turisti di non soggiornare nelle camere lato montagna, temendo che da un momento all’altro possano verificarsi frane.

Non c’è un piano per garantire l’incolumità pubblica e inutili, sinora, si sono rivelati i richiami della Protezione civile nazionale al Comune, senza contare che, a quanto mi risulta, il Piano comunale di Protezione civile non verrebbe aggiornato dal 2013. “Ho chiesto al Governo di intervenire – dice Trano – garantendo la tutela di quel territorio e sicurezza a residenti e turisti, di effettuare delle verifiche su possibili omissioni compiute nel corso degli anni e sulle ripercussioni che hanno avuto in un centro ad alta vocazione turistica, di assicurare la reale messa in sicurezza e di valorizzare Macari, considerando anche la centralità del turismo nel Pnrr. Intendo far luce sull’intera vicenda, restituendo serenità a residenti e turisti e facendo sì che il Paese non perda un altro pezzo pregiato della sua economia, messa già a dura prova dall’emergenza coronavirus”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]