Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Mafia, Pignatone: “416bis utile anche per contrastare nuove mafie”



«L’Unione europea la mafia non la capisce, fanno finta di non vedere quel che c’è: la tendenza legislativa è “meno carcere, più aggressione ai patrimoni”, ma estendere l’aggressione ai patrimoni a fenomeni diversi dalla mafia come la corruzione, che la società stessa non avverte di gravità pari alla mafia, temo che ce lo farà perdere come arma di contrasto reale alle mafie. Esiste poi il problema delle nuove generazioni magari figli di mafiosi, laureati e sposati a Roma, Milano o Torino, che usano capitali provenienti da illeciti di decenni prima, di cui è difficile dimostrare la provenienza, come i contatti sussistenti con persone mafiose»». A parlare è il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone intervenuto al convegno sul tema “Crimine organizzato e criminalità economica: stato dell’arte e prospettive future dopo l’introduzione del Pm europeo».

[sam_pro id=1_2 codes=”true”]

Il convegno, presieduto dal Procuratore della Repubblica di Catania Carmelo Zuccaro, è stato organizzato dall’Universita degli studi di Catania in collaborazione con il Centro di Diritto Penale Europeo, ed ospitato nell’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza. «Il fenomeno mafioso, negato a Catania fino agli anni ’80 ovvero prima dell’introduzione nel 1982 dell’articolo 416 bis, va contrastato e non semplicemente contenuto – ha detto Carmelo Zuccaro – la capacità di infiltrazione, di drenaggio delle risorse economiche sul territorio, di utilizzazione di profitti illeciti, fa sì che questi capitali rappresentino una forma di concorrenza incompatibile con una economia sana. Il sodalizio mafioso si estende ormai anche nel centro-nord Italia ed all’estero, per proliferare e farsi sempre più forte: per questo l’azione preventiva è fondamentale, bisogna capire che le mafie operano in modalità diverse a seconda dei territori».

[sam_pro id=1_3 codes=”true”]

«Il 416 bis è costruito avendo in mente la mafia siciliana: nell’articolo si citava anche la camorra e solo nel 2010 è stata aggiunta la ‘ndrangheta – ha evidenziato ancora Pignatone – oggi ci troviamo di fronte a nuove mafie che però hanno approcci esterni che già conosciamo: mischiano affari leciti con illeciti, hanno rapporti con pubbliche amministrazioni, attuano tentativi di riciclaggio, sono in grado di controllare un determinato territorio o settore di attività attraverso l’intimidazione, quindi senza avere necessariamente morti ammazzati, provocando assoggettamento ed omertà. Io sono contrario a toccare il 416 bis perché credo abbia la capacità di colpire anche questi nuovi fenomeni, con singoli e mirati interventi del legislatore. Ad oggi non abbiamo trovato la soluzione giusta per i beni confiscati destinati a fini sociali, perché ad esempio le banche che avevano finanziato l’attività si tirano indietro appena arriva il decreto. Pignatone ha tra l’altro definito di “trincea” il lavoro svolto dai procuratori.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]