Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Mascherine all’aperto, fino a quando? Il parere degli esperti



Mascherine all’aperto, fino a quando? Al centro del dibattito di questi giorni, con l’arrivo dell’estate, anche l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, alla luce del calo di contagi e decessi e con l’avanzare in Italia della zona bianca. In Francia, ad esempio, se tutto procede secondo i piani, il 30 giugno verrà revocato l’obbligo. E anche il ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn, ha aperto alla possibilità di un progressivo allentamento dell’obbligo di indossare la mascherina. Ma cosa pensano gli esperti e che tempi prevedono per il nostro Paese?

Mascherine

L’infettivologo Stefano Vella, docente di Salute globale all’università Cattolica di Roma ed ex presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, è netto: “La mascherina all’aperto va portata e per il momento sono contrario a togliere l’obbligo”. “La mascherina va portata sempre dietro – dice Vella all’Adnkronos Salute – Poi se si è soli, immagino al mare o in un bosco, è chiaro che si può togliere. Ma se eliminiamo troppo presto l’obbligo, c’è il rischio che nessuno la indossi più. Vedo già oggi molti che non la portano”.

“Io l’obbligo di mascherina non lo rimuoverei – dice anche il virologo Francesco Menichetti, primario di malattie infettive dell’ospedale di Pisa, commentando lo stop francese all’obbligo di mascherine all’aperto dal 30 giugno – Non sarei favorevole alla rimozione, poi decideranno le autorità”. Togliere la mascherina “è possibile all’aperto tra vaccinati, tra chi ha il certificato verde ed è distanziato – spiega l’esperto – Questo è accettabile e logico. Potrei toglierla una volta che sono all’aperto al mare, però – avverte Menichetti – toglierle come abitudine io aspetterei”. “L’abitudine della mascherina è qualcosa a cui non rinuncerei. Per me – dice il virologo – il momento in cui uno potrebbe rimuoverla è quando si riaprono le scuole in presenza, a settembre-ottobre, il che vuol dire che hai vinto la battaglia. La spada – conclude – la deponi quando la battaglia è definitivamente conclusa, non quando sei ancora in tenzone”.

“Credo che entro fine mese si possa ragionare sullo stop all’obbligo della mascherina all’aperto. Sono ottimista, soprattutto in quelle Regioni in zona bianca dove i casi sono davvero pochi” afferma invece Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo). “C’è un miglioramento epidemiologico evidente – sottolinea all’Adnkronos Salute – e siamo in una fase in cui abbiamo un abbattimento della mortalità dei nuovi casi”.

Sulle mascherine Fabrizio Pregliasco, docente all’Università Statale di Milano, dice di aspettare “ancora un attimo per una valutazione. Vediamo fine luglio come obiettivo per toglierle all’aperto”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]