Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Mascherine all’aperto, fino a quando? Il parere degli esperti



Mascherine all’aperto, fino a quando? Al centro del dibattito di questi giorni, con l’arrivo dell’estate, anche l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, alla luce del calo di contagi e decessi e con l’avanzare in Italia della zona bianca. In Francia, ad esempio, se tutto procede secondo i piani, il 30 giugno verrà revocato l’obbligo. E anche il ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn, ha aperto alla possibilità di un progressivo allentamento dell’obbligo di indossare la mascherina. Ma cosa pensano gli esperti e che tempi prevedono per il nostro Paese?

L’infettivologo Stefano Vella, docente di Salute globale all’università Cattolica di Roma ed ex presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, è netto: “La mascherina all’aperto va portata e per il momento sono contrario a togliere l’obbligo”. “La mascherina va portata sempre dietro – dice Vella all’Adnkronos Salute – Poi se si è soli, immagino al mare o in un bosco, è chiaro che si può togliere. Ma se eliminiamo troppo presto l’obbligo, c’è il rischio che nessuno la indossi più. Vedo già oggi molti che non la portano”.

“Io l’obbligo di mascherina non lo rimuoverei – dice anche il virologo Francesco Menichetti, primario di malattie infettive dell’ospedale di Pisa, commentando lo stop francese all’obbligo di mascherine all’aperto dal 30 giugno – Non sarei favorevole alla rimozione, poi decideranno le autorità”. Togliere la mascherina “è possibile all’aperto tra vaccinati, tra chi ha il certificato verde ed è distanziato – spiega l’esperto – Questo è accettabile e logico. Potrei toglierla una volta che sono all’aperto al mare, però – avverte Menichetti – toglierle come abitudine io aspetterei”. “L’abitudine della mascherina è qualcosa a cui non rinuncerei. Per me – dice il virologo – il momento in cui uno potrebbe rimuoverla è quando si riaprono le scuole in presenza, a settembre-ottobre, il che vuol dire che hai vinto la battaglia. La spada – conclude – la deponi quando la battaglia è definitivamente conclusa, non quando sei ancora in tenzone”.

“Credo che entro fine mese si possa ragionare sullo stop all’obbligo della mascherina all’aperto. Sono ottimista, soprattutto in quelle Regioni in zona bianca dove i casi sono davvero pochi” afferma invece Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo). “C’è un miglioramento epidemiologico evidente – sottolinea all’Adnkronos Salute – e siamo in una fase in cui abbiamo un abbattimento della mortalità dei nuovi casi”.

Sulle mascherine Fabrizio Pregliasco, docente all’Università Statale di Milano, dice di aspettare “ancora un attimo per una valutazione. Vediamo fine luglio come obiettivo per toglierle all’aperto”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]