Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Museo della pomice di Lipari, associazioni: pronti a collaborare



Si comincia a mettere mano al progetto di un museo e un parco geominerario della pomice di Lipari. All’annuncio dato dalla Regione siciliana segue ora la disponibilità delle tre istituzioni che hanno promosso l’idea del parco per salvare la memoria e la tradizione di un’industria ormai scomparsa.

Cave di pomice Museo della pomice

Andrea Cancellato presidente di Federculture, Antonio Calabrò presidente di Museimpresa e Franco Iseppi presidente del Touring Club Italiano riconoscono nell’orientamento della Regione “l’alta considerazione del valore di questo nuovo ‘museo d’impresa’ che nasce nella natura ed è frutto dell’operosità dell’uomo e dell’intraprendenza diffusa sul territorio”.


    In questo modo, sostengono, viene rafforzata “l’offerta di turismo culturale di un’isola e un arcipelago già ricchi di storia millenaria e non a caso indicato dall’Unesco come patrimonio dell’umanità”. Questo messaggio è stato ora raccolto dalla Regione ma si pone il problema di preparare il progetto, che ha raccolto tante adesioni nel mondo culturale, con uno studio di fattibilità. Dovrebbe evidenziare, dicono le tre associazioni, “tanti nodi: cura scientifica, progetto architettonico e di allestimento, business plan per la sostenibilità economica, governance, connessioni con il territorio, integrazione dell’offerta turistica, comunicazione, marketing”.


    Le tre istituzioni offrono quindi la disponibilità e l’impegno a “collaborare con la Regione siciliana e le autorità locali, per contribuire, con le proprie competenze, alla redazione dello studio di fattibilità, affinché il prima possibile si possa passare dalle parole, pur già importanti, ai fatti” con la creazione concreta del Museo della pomice.


    L’industria della pomice è ferma da molti anni. La società che gestiva le cave e il trattamento del prodotto, destinato all’edilizia e all’industria cosmetica, è fallita. I capannoni e gli impianti sono in uno stato di abbandono. Parte delle strutture stanno per essere demolite e vendute come materiale metallico. (ANSA).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]