Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Palemo, mobilità sostenibile nell’area metropolitana: metà dei cittadini si sposta in auto



Palermo ha oltre il 50 per cento di utenti che si spostano in auto. L’indice di motorizzazione è di 56,59 auto ogni 100 abitanti, tra i più alti d’Italia, ma il 40 per cento si dice pronto a passare ad un sistema intermodale (servizi ferroviari e gommati) se viene assicurato un buon servizio in termini soprattutto di frequenza dei collegamenti e velocità di percorrenza. I dati sono stati presentati oggi durante il seminario “Mobilità sostenibile nella città metropolitana” organizzato dal Rotary Club area Panormus in collaborazione con La Scuola Politecnica dell’Università e con gli Ordini professionali degli Architetti e degli Ingegneri. Si tratta di un secondo momento di confronto tra tecnici ed esperti del settore dopo quello organizzato lunedì scorso dagli Ordini professionali sulla mobilità sostenibile in città. “Oggi invece – dice il presidente della Scuola Politecnica Maurizio Carta – abbiamo voluto allargare l’osservazione a tutta la città metropolitana”.
“Un’iniziativa che dimostra quanto sempre più diffusa e condivisa sia la sensibilità per una mobilità dolce e sostenibile – ha detto il sindaco Leoluca Orlando salutando i lavori in mattinata – Il Mondo accademico e della ricerca sono indispensabili per fare scelte tecnicamente sostenibili ed efficaci, il mondo della società civile, indispensabile perché quelle scelte siano culturalmente accettate e praticate”.

I dati sui flussi di ingresso e circolazione in città presentati da Marco Migliore del Dipartimento di Ingegneria civile mostrano situazioni di grande congestionamento soprattutto lungo gli assi di ingresso alla città dai centri limitrofi e dalle periferie al centro insieme alla fotografia degli utenti (per lo più studenti e lavoratori).“Chi viene a Palermo per motivi di lavoro – ha detto Migliore – ancora oggi non riesce ad usufruire di sistemi intermodali efficienti. Abbiamo calcolato che per quanto riguarda il passante ferroviario, la soluzione ottimale a soddisfare la domanda è di un treno ogni 5 minuti per direzione. Almeno il 50 per cento inoltre, dovrebbe avere fermate in tutte le stazioni per facilitare gli spostamenti urbani”. Anche perché sono oltre 500 mila le persone che gravitano nelle aree periferiche della città. “Persone a cui oggi è precluso il diritto alla mobilità”, ha detto il presidente dell’Ordine degli Architetti, Francesco Miceli. ”L’amministrazione comunale – ha aggiunto Miceli – ha predisposto un progetto ed è prioritario sviluppare un confronto aperto per individuare e condividere linguaggi e strategie comuni sia per la città che per l’area metropolitana”. Considerazione condivisa nei saluti anche dal presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Giovanni Margiotta che ha sottolineato come “sia necessario coniugare gli elementi centrali come il passante ferroviario e l’anello con gli elementi complementari, cioè bus, tram e tutta la cosiddetta mobilità dolce”.

Ridefinire la mobilità metropolitana – ha spiegato Maurizio Carta – significa però anche fare rigenerazione urbana e ripensare la città creando nuove centralità. Palermo deve diventare città arcipelago, capace di prosperare attraverso una migliore connessione delle sue centralità, anche attraverso il sottosuolo con il passante e l’anello ferroviario, così come avviene nelle grandi città europee”. Una soluzione che trova risposta anche nei numeri che arrivano da capitali come Parigi, Londra e Berlino. Qui l’utilizzo di sistemi intermodali rappresenta rispettivamente il 33, il 26 e il 37 per cento della mobilità. Palermo attualmente è al 10 per cento. Il capo area tecnica delle infrastrutture del Comune di Palermo, Mario Li Castri ha ribadito l’importanza del prossimo concorso di progettazione per le nuove linee di tram che “oltre a individuare soluzioni tecniche proporrà una nuova idea di città a partire dai tracciati tranviari”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]