Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

A Palermo il patto dei professionisti contro la mafia



Mettere nero su bianco regole etiche comuni a tutte le professioni e creare un organismo in grado di supportare i professionisti sul terreno della legalità. È il “patto” stretto oggi pomeriggio alla Camera di Commercio di Palermo dagli ordini professionali, chiamati a raccolta dalla Consulta delle professioni in occasione del 25° anniversario della strage di Capaci per ricordare i servitori dello Stato in prima linea contro la mafia.

Da Francesco Greco, presidente degli Avvocati e anche della Consulta, l’appello ad “alzare l’asticella della legalità e ad isolare quelle poche mele marce che gettano discredito sulle professioni”, poi una duplice proposta: “avviare un corso di formazione comune sulla legalità, soprattutto a beneficio dei più giovani, e predisporre un vero e proprio codice etico interprofessionale”. Un’idea subito ripresa e ampliata da Francesco Miceli, presidente dell’Ordine degli Architetti, che ha chiesto la creazione anche di un “osservatorio su etica e legalità in grado di supportare chi si trovi in difficoltà nell’atto di compiere una scelta”.

Sfide condivise dai rappresentanti delle molte professioni riunite nella Consulta e presenti all’incontro. Al centro degli interventi soprattutto l’importanza della condotta individuale. “Ciò che più caratterizza l’esercizio della professione è la libertà, e prima di tutto c’è quella di poter scegliere tra bene e male”, ha sottolineato Fabrizio Escheri, presidente dei Commercialisti.

Sulla stessa linea, fra gli altri, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Giovanni Margiotta. “Non si decide di essere eroi – ha detto – ma tale diventa di fatto chi non scende a  compromessi e non rinuncia alla propria libertà. Il professionista può sempre scegliere di non prestare la propria attività, seppur lecita, quando ciò possa contribuire alle finalità di chi è dedito al malaffare. Ogni azione illecita è una goccia di veleno che uccide la società sana, che uccide il futuro dei nostri figli”.

Tra le categorie che hanno partecipato all’incontro anche Psicologi, Geometri, Periti agrari, Consulenti del lavori e professionisti dell’area medica. Al termine è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di tutte vittime di mafia.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]