Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Palermo, persi seimila posti di lavoro in un anno



Sempre meno lavoro a Palermo. Gli occupati a Palermo si riducono e passano da 324 mila a 318 mila unità. Seimila occupati in meno in un anno. Nel 2007, dieci anni fa, gli occupati erano 365 mila. E si innalza sensibilmente il tasso di disoccupazione giovanile: dal 65 al 71,2 per cento. Sono alcuni dei dati che emergono dal raffronto, elaborato dal Cerdfos, il centro studi della Cgil, tra le ultime rilevazioni Istat del quarto trimestre 2016, con quelle, di un anno fa, del quarto trimestre del 2015.

“Sono confermate le nostre analisi e le denunce che facciamo da anni – dichiara il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo – C’è un problema di occupazione, di qualità e quantità del lavoro. Al di là delle medie, ci sono parti della nostra provincia dove il tessuto economico e sociale è ai minimi termini e lì i dati sono ancora più drammatici. La vera emergenza di Palermo è il lavoro, la sua quantità e la sua qualità”.

“In città la perdita di posti di lavoro colpisce l’universo maschile. Dei 6 mila posti di lavoro persi, 5 mila in meno si trovano nell’industria: mille si sono persi nel manifatturiero e 4 mila nelle costruzioni. I rimanenti mille posti in meno riguardano i servizi. Per quanto riguarda il fronte femminile, infatti, il mercato del lavoro è rimasto completamente fermo. Restano 113 mila a Palermo le donne occupate, come un anno fa. Non c’è stato nessun incremento né decremento. Anche il tasso di disoccupazione femminile resta stabile: è pari al 26,3 per cento, in linea con il dato dell’anno precedente.

Il tasso di occupazione si abbassa dal 38 per cento al 37,4 per cento. E cresce quello dei disoccupati, che passano da 102 mila a 107 mila, con un tasso di disoccupazione che balza dal 23,9 per cento al 25,1 per cento. La disoccupazione giovanile si incrementa e passa dal 65 per cento al 71, 2 per cento. Una variazione significativa riguarda gli inattivi: diminuiscono, e passano da 417 mila a 414 mila. Un fatto che va letto partendo dalla considerazione della precarietà e della fame di lavoro. “Ci sono almeno 3 mila persone che non cercavano lavoro e che da un anno all’altro hanno iniziato a darsi da fare per trovare un’occupazione- aggiunge Campo – La diminuzione degli inattivi dimostra che la situazione è abbastanza pesante e precaria. Non siamo fuori dal tunnel, mai si era verificata una caduta occupazione di questa portata. L’occupazione è strettamente legata all’andamento del Pil, cioè ai consumi e all’investimento. Se non si lavora su queste due variabili, consumi e investimento, non si creerà occupazione”.

Anche il dato sulla stazionarietà del mercato del lavoro delle donne, rimasto completamento fermo a Palermo, fa riflettere sulla disuguaglianza di occasioni e prospettive. “Considerando che la maggior parte delle famiglie è monoreddito, e che la perdita occupazionale ha interessato gli uomini – prosegue Campo – significa che ci sono parecchie migliaia di famiglie in condizione di povertà. Dai dati inoltre sembra emergere che Palermo, Trapani e Messina siano le province che hanno accusato maggiori difficoltà”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]