Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Pensione sociale ai mafiosi fuori dal carcere va mantenuta. Lo dice la Consulta



Non è legittimo revocare la pensione sociale ai condannati per mafia o terrorismo che si trovano in situazione di indigenza, anche nel caso in cui scontino la pena fuori dal carcere. Anche a loro, ha stabilito ieri una sentenza della Corte costituzionale, vanno assicurati i mezzi minimi di sostentamento. E non si può, pertanto cancellare il trattamento assistenziale di cui costoro godono, senza il quale resterebbero privi dei mezzi di sussistenza. Ciò in quanto, ritiene la Consulta, sarebbe irragionevole che lo Stato valutasse una persona meritevole di misure alternative alla detenzione per poi privarlo dei mezzi per mangiare, quando essi siano ottenibili solo dalle prestazioni assistenziali. Per la Corte costituzionale, il diritto all’assistenza per chi è in stato di bisogno «deve essere comunque garantito a ciascun individuo, pur se colpevole di determinati reati», anche gravissimi.

Contrasto col principio di uguaglianza. A dubitare della legittimità di queste norme erano stati i tribunali di Fermo e di Roma. E la Consulta – con la sentenza numero 137 (relatore il vicepresidente Giuliano Amato) ha stabilito che le disposizioni portate alla sua attenzione sono in contrasto con due articoli della Costituzione: il numero 3, che sancisce il principio di uguaglianza e di ragionevolezza; e il 38, che prevede che ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale, ponendo dunque a carico dello Stato e della collettività un dovere di solidarietà, che si concretizza in specifiche misure di assistenza economica.

Secondo i giudici costituzionali lo Stato può modulare la disciplina delle misure assistenziali, ma «non può pregiudicare quelle prestazioni che si configurano come misure di sostegno indispensabili per una vita dignitosa». Pertanto, pur considerando che i condannati per mafia e terrorismo «hanno gravemente violato il patto di solidarietà sociale che è alla base della convivenza civile», è l’importanza di quello stesso patto a prevedere che a loro «siano comunque assicurati i mezzi necessari per vivere».

Illegittime due norme della riforma del lavoro. Sotto il profilo tecnico-giuridico, insomma, con la sentenza di ieri la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del comma 61, e, in via consequenziale del comma 58, dell’articolo 2 della legge 92 del 2012. Tradotto, significa che da quella riforma del mercato del lavoro vengono depennnate due norme: quella che prevede che per una serie di gravi reati (a partire da quelli di associazione terroristica e mafiosa), il giudice nel pronunciare la condanna applichi anche la sanzione accessoria della revoca di prestazioni assistenziali (cioè l’indennità di disoccupazione, l’assegno sociale, la pensione sociale e la pensione per gli invalidi civili); e quella che stabilisce che la revoca, con effetto non retroattivo, sia disposta dall’ente erogatore nei confronti dei soggetti già condannati con sentenza divenuta definitiva all’entrata in vigore della legge. (Da Avvenire)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]