Possibilità di lavoro da remoto: cosa si può fare?



Lavorare da remoto può essere per molti una vera e propria salvezza: niente tragitto in auto o in treno per raggiungere il posto di lavoro ogni mattina, nessun dress code da rispettare e un po’ di tempo in più per dedicarsi alla casa e alla famiglia. Sono in tanti, ormai, a optare per questa tipologia di vita: non solo studenti o lavoratori freelance, ma anche imprenditori che scelgono di reinventarsi da zero dopo aver abbandonato una carriera stabile. Per quanto non tutte le professioni siano adattabili a questa modalità lavorativa, sono in tanti i lavori che possono essere svolti senza la necessità di dipendere da un posto fisso.

lavoro da remotoFonte: Pixabay

1. Assistente virtuale

Il lavoro dell’assistente virtuale è probabilmente ancora poco conosciuto, ma rappresenta una delle professioni da remoto che più permettono di mettere in campo le competenze acquisite in ufficio. L’assistente virtuale è infatti colui che si occupa della risoluzione e della gestione dei problemi che possono presentarsi ad un professionista o ad un imprenditore, proprio come si fa spesso in ufficio. Ciò di cui un assistente virtuale può occuparsi è, a esempio, la gestione della messaggistica e dei canali social di un cliente troppo impegnato per occuparsene o, ancora, la programmazione di un’eventuale newsletter settimanale. Un altro compito molto richiesto agli assistenti virtuali è quello relativo alla programmazione del calendario del cliente e di eventuali viaggi di lavoro. Attenzione ai dettagli e capacità di organizzazione sono fondamentali.

2. Addetto al servizio clienti

Un’altra professione che può essere svolta in tutta tranquillità da casa o da un co-working è quella dell’addetto al servizio clienti. Chi si occupa della gestione e della risoluzione dei problemi dei clienti non deve infatti trovarsi necessariamente dietro al telefono di un ufficio, ma può benissimo ricoprire questo ruolo anche da casa. Un addetto al servizio clienti può essere richiesto in molti ambiti: tra questi, quello delle aziende commerciali con store online, in cui potrebbe esserci la necessità di risolvere eventuali problemi tecnici o chiarire i dubbi dei clienti, quello delle piattaforme di giochi di carte online e slot in stile Vegas, in cui vi è solitamente la possibilità di rivolgersi ad un servizio clienti anche in live chat, o ancora quello delle banche e assicurazioni.

3. Graphic designer

smart workingFonte: Pixabay

Per i più appassionati di grafica e arte, un lavoro molto richiesto anche da remoto è quello del graphic designer, ovvero di colui che si occupa, a seconda delle sue competenze, di vari aspetti della progettazione grafica, dalle illustrazioni agli annunci pubblicitari fino alla creazione di loghi. Si tratta di un lavoro che richiede molte competenze, ma che allo stesso tempo non necessita altro che di un buon computer e di software adatti allo svolgimento del lavoro. Come riportato su Logo-designers, per essere considerati davvero capaci è necessario essere abili nel disegno per fare questo lavoro: per quanto ormai si possa lavorare anche con icone e foto, essere dei bravi disegnatori vi darà sicuramente una marcia in più.

Il mondo del lavoro da remoto è veramente vasto: basta trovare ciò che fa più al caso proprio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]