Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Provola dei Nebrodi, in marcia a grandi passi verso la Dop



Più vicino per la Provola dei Nebrodi il riconoscimento della Denominazione di origine protetta. Il ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha convocato per il prossimo 23 novembre, alle ore 17, presso il Teatro Martoglio in Piazza Castello, a Castel di Lucio,  un incontro, definito “di Pubblico Accertamento”, per la verifica del disciplinare di produzione e la relativa rispondenza ai metodi leali, per il riconoscimento nella categoria DOP della denominazione “Provola dei Nebrodi”, secondo quanto previsto dal  Regolamento (UE) n. 1151/2012 del parlamento europeo e del consiglio del 21 novembre 2012, sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Lo scrive Giuseppe Salerno sul giornale online Nebrodinews

L’obbiettivo è quello di ottenere, per la provola dei Nebrodi, il riconoscimento di Denominazione di Origine Protetta, al fine di tutelarne il prodotto ma anche per beneficiare dell’indiscutibile valore aggiunto, perseguito dal “Consorzio del Formaggio Provola dei Nebrodi” che nel dicembre 2016 ha presentato istanza di riconoscimento, alla Regione Siciliana ed al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali,  chiedendone l’adesione ai regimi di qualità certificata. A seguito dell’istruttoria del Dipartimento regionale agricoltura, che ha espresso parere favorevole sull’istanza di riconoscimento, adesso tutto viene rimesso nelle mani del  Ministero delle Politiche Agricole che potrà avviare l’istruttoria nazionale.

La zona di produzione interessata dal disciplinare comprende 47 comuni delle province di Messina, Catania ed Enna. Il Presidente Piero Valenti ed i produttori del Consorzio del Formaggio Provola dei Nebrodi, invitano i comuni, le organizzazioni professionali e di categoria, i produttori e gli operatori economici del territorio di origine a partecipare. Così come la stampa, i mass media e gli Opinion Leader interessati.

Dopo i risultati conseguiti in quest’ultimo anno dalla Sicilia che ha ottenuto il via libera dall’Ue sull’ IGP Sicilia per l’olio extravergine, si è vista approvati, dal Dipartimento Regionale Agricoltura, i pareri di legittimità su Dop Aglio Rosso di Nubia, Dop Cappero delle Isole Eolie e Igp Cioccolato di Modica, adesso, con l’ottenimento per la provola dei Nebrodi del riconoscimento di Denominazione di Origine Protetta,  sembra essere giunto il momento tanto atteso le aziende e i territori siciliani che scommettono sulla qualità e la tracciabilità dei prodotti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]