Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Raffinerie, vertice alla Regione sul Piano della qualità dell’aria



Uno studio di fattibilità che dimostri la volontà concreta – attraverso la rappresentazione di costi e tempi – di adeguare gli impianti industriali per attuare la riduzione delle emissioni inquinanti, così come previsto dal Piano di tutela della qualità dell’aria della Regione Siciliana. E’ questo quanto richiesto dall’assessore all’Ambiente Toto Cordaro, al termine della riunione tenutasi a Palazzo Orleans con Sicindustria, Italcementi, Isab, Raffineria di Milazzo, Versalis, Sonatrach, Colacem e Buzzi Unicem.

«Ho voluto incontrare personalmente i rappresentanti dei petrolieri, delle cementerie e dell’associazione degli industriali – sottolinea Cordaro – per comprendere meglio quali siano le difficoltà tecnico-economiche a rispettare il provvedimento del governo Musumeci. E verificare ogni sforzo che conduca le emissioni ai limiti compatibili con il Piano della Regione. Restiamo in attesa di questi documenti per valutare come procedere».

Ma proprio sul tema dell’attuazione delle misure di riduzione delle emissioni dai grandi impianti industriali nell’Isola, lo scorso 11 giugno l’assessore ha scritto una nota al ministro dell’Ambiente Sergio Costa, al capo del dipartimento per la Transizione ecologica e gli investimenti verdi Mariano Grillo e al direttore generale per la Crescita sostenibile e la qualità dello sviluppo Oliviero Montanaro.

«Negli incontri fin qui svolti – scriveva Cordaro – se per un verso le imprese hanno manifestato generica difficoltà di ordine economico, d’altro canto non hanno presentato alcuno studio che potesse dimostrare la non sostenibilità dell’applicazione della misura M2 in rapporto ai costi/benefici conseguenti».

Una difficoltà che sarebbe stata manifestata, da alcune aziende petrolchimiche, anche al Tavolo del ministero dell’Ambiente, durante l’istruttoria per il procedimento di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale di competenza statale per l’adeguamento al Piano regionale di tutela della qualità dell’aria della Sicilia. Da qui la richiesta di Cordaro a Roma per sapere se nel corso delle riunioni «siano emersi elementi di valutazione tecnico-economica o socio-economica, non noti a questa amministrazione, che potrebbero avere possibili refluenze sull’attuazione delle misure di Piano per la riduzione delle emissioni industriali».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]