Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ragusa-Catania: c’è l’accordo, la Regione anticipa le risorse



La superstrada Ragusa-Catania sarà realizzata con una anticipazione finanziaria della Regione e con la procedura affidata al governatore Nello Musumeci, in qualità di commissario. Lo ha deciso pochi minuti fa il Cipe.

“Mi sembra un significativo passo avanti – dice Musumeci – anticiperemo oltre 600 milioni di euro sui 750 previsti. È una sfida che dobbiamo vincere, dopo decenni di chiacchiere. Ringrazio il governo Conte e in particolare il vice ministro Cancellieri, il ministro Provenzano e l’assessore Falcone per l’importante lavoro preparatorio condotto in questi mesi”.

La Ragusa-Catania sarà realizzata con fondi pubblici e non ci sarà alcun pedaggio

“Il tentativo di far diventare un enorme business, tramite un ‘project financing’, la costruzione della più importante arteria stradale di collegamento diretto fra l’area etnea e il territorio ibleo è fallito; ormai è storia del passato.

Di questo risultato va dato atto in primis al grande lavoro del Viceministro alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri e all’ex Ministro Danilo Toninelli, che hanno ascoltato le nostre denunce sul rischio a cui si stava andando incontro affidandone la costruzione ad una ditta in evidente difficoltà economico-finanziaria, più volte indicata come priva di bancabilità, con soggetti all’interno anche inaffidabili per via di note, passate e recenti, vicende giudiziarie”. A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Stefania Campo a proposito della conferma della realizzazione dell’autostrada Ragusa Catania attraverso fondi pubblici, come emerso dall’odierna riunione del CIPE a Roma.

 

“Eravamo convinti di essere nel giusto allora – spiega Campo –  e siamo felici di poter rivendicare la rettitudine della nostra azione politica, oggi. Siamo stati tacciati di ogni tipo di offesa in merito alle capacità personali, politiche e istituzionali e siamo stati denigrati pubblicamente, addirittura anche con frasi sessiste, e non solo su social media.

Tanti professionisti della politica nostrana, forse quasi tutti gli attuali e purtroppo anche tanti rappresentanti delle categorie produttive, si sono sentiti spiazzati dalla nuova prospettiva tracciata dal Movimento 5 Stelle in merito alla scelta limpida e trasparente di sottrarre il progetto ai privati per darlo in mano all’Anas e rendere quindi la Ragusa-Catania una ‘grande opera pubblica’ senza caselli autostradali, senza muri di confine fra le province e le città del Sud-est siciliano e soprattutto, senza assurdi pedaggi di percorrenza”.

“Eppure – sottolinea ancora la deputata Ars – rivendicavamo semplicemente il diritto di spostarci da Ragusa, Vittoria, Modica, Acate, ecc, verso Catania senza farci mettere le mani in tasca dal grande costruttore di turno. Non era assolutamente comprensibile come si potesse pensare di poter continuare a dare forza ed energia al settore turistico (ricettivo, enogastronomico, balneare, etnoculturale) obbligando i turisti intenzionati a venire da noi a pagare un ticket di decine di euro già semplicemente per percorrere 68 chilometri.

Chi ha remato contro per più di due anni, abbia il senso del pudore oggi. Chi ha organizzato manifestazioni inutili e marcelonghe, disturbando il lavoro di tanti e il traffico ordinario, dimostri il senso della misura. È finito il momento della propaganda a cui ci hanno abituato, per più di un ventennio, i vari renziani, leghisti e berlusconiani di casa nostra, oggi è il tempo dei fatti: degli impegni presi e della parola mantenuta.

La Ragusa-Catania ‘pubblica e gratuita’ è un obiettivo raggiunto dal Movimento 5 Stelle” – conclude la deputata.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]