Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ridimensionamento di Terna in Sicilia, proteste di sindacati e Leoluca Orlando



L’interpellanza del Movimento Cinque Stelle contro la riorganizzazione di Terna in Sicilia risale a qualche giorno fa, oggi sono arrivate le proteste pubbliche dei sindacati e una lettera del sindaco di Palermo  all’amministratore delegato dell’azienda. Insomma un fuoco di fila contro la riorganizzazione Terna Rete Italia S.p.a., società che si occupa dell’esercizio, della manutenzione e dello sviluppo della rete elettrica di trasmissione nazionale, per scongiurare l’accorpamento della Sicilia al dipartimento territoriale del centro Italia con Lazio, Molise e Abruzzo.  Nell’interpellanza, presentata dal deputato Adriano Varrica lo scorso 11 giugno, si legge che “i sei dipartimenti presentano dei criteri localizzativi che non sembrano tenere in considerazione la contiguità territoriale e le caratteristiche e la mole di investimenti che nei prossimi decenni verranno realizzati in Sicilia” in quanto “la Sicilia verrebbe, infatti, accorpata al Lazio, al Molise e all’Abruzzo, creando il dipartimento Centro-Sicilia”.

Il deputato palermitano del Movimento 5 Stelle, interpellando il Ministero dell’economia e delle finanze, ha chiesto al Governo di “avviare interlocuzioni istituzionali con Terna, anche per il tramite di Cassa depositi e prestiti, per approfondire la riorganizzazione di Terna Rete Italia S.p.a. e, in particolare, l’accorpamento della Sicilia al dipartimento del Centro Italia”.

Preoccupazione e contrarietà di fronte alle ipotesi di smantellanto della sede direzione di Terna a Palermo è stata espressa oggi anche dalla Cgil e dalla Filctem nel corso della conferenza stampa che si è svolta a palazzo delle Aquile, convocata dal sindaco Leoluca Orlando, con l’assessora Giovanna Marano.

    I sindacati confederali Cgil Cisl e Uil, assieme ai sindacati di categoria, avevano chiesto con una lettera al sindaco di intervenire anche nella doppia qualità di presidente dell’Anci. E il sindaco  ha annunciato che invierà una lettera all’ad di Terna Stefano Donnarumma per scongiurare la decisione sulla riorganizzazione della società. Degli 8,9 miliardi di euro di investimenti previsti circa il 20 per cento, 1,8 miliardi, sarà destinato alla Sicilia. Ma la nuova organizzazione dell’azienda    ha previsto la soppressione della sede direzione di Palermo e Cagliari di Terna  e l’accorpamento  con la sede di Roma, il dipartimento Centro, che comprende anche Abruzzo e Molise.    

    “Terna è fondamentale per qualsiasi ipotesi di sviluppo imprenditoriale per la nostra realtà. Questo ennesimo ridimensionamento è inconcepibile. A fronte di risorse importanti che arriveranno in Sicilia  e direttamente anche a Palermo, l’orientamento ormai diffuso dei grandi gruppi nazionali  è di considerare Palermo come un vuoto a perdere – ha dichiarato il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo –  Registriamo un disimpegno dei grandi gruppi di fronte a scelte di politica industriale che  privilegiano  alcuni  capoluoghi di regione, che diventano centri decisionali a discapito di Palermo, relegata a un ruolo sempre più subalterno e marginale. Oggi tocca a Terna o alla Coop come ieri era toccato alla Fiat. Un atteggiamento coloniale, da parte di aziende che usano Palermo e la Sicilia a convenienza e poi vanno via.  Tutto questo a va a discapito anche dei livelli di sicurezza, che senza un presidio direzionale sul territorio  si abbassano sia per i lavoratori che per la gestione della rete”.

   “Abbiamo chiesto l’intervento del sindaco perché la nostra città è penalizzata particolarmente dalle scelte di Terna. C’è un problema di svuotamento di competenze e di professionalità che riguarda  i nostri siti produttivi e la  Sicilia, considerata come terra di conquista, da depredare quando serve – ha aggiunto Calogero Guzzetta, segretario generale Filctem Cgil Palermo – Veniamo da una ristrutturazione analoga fatta da Enel nel 2018, in cui la Sicilia venne accorpata al Lazio,  salvo nel 2021 tornare indietro rispetto a quel modello,  riconosciuto come inefficace. Noi chiediamo che alla Sicilia Terna restituisca  il ruolo che le spetta anche  perché gli investimenti in arrivo ruotano sulla  centralità della posizione dell’Isola al centro del Mediterraneo, con i cavi sotterranei da fare per realizzare le connessioni con la Campania, la Sardegna,  Malta e l’Africa. E dobbiamo poter attingere ai giovani e alle risorse che abbiamo nella nostra terra”.

    Lo smantellamento della sede direzionale di via Castellana, a Palermo, penalizza soprattutto i giovani. “Terna continua ad assumere giovani ingegneri  siciliani ma in altre regioni. Anche la sede romana è piena di palermitani e non si comprende che potrebbero avere un lavoro dignitoso qui, avendone l’opportunità  – ha detto Vincenzo Monte, rappresentante aziendale  Filctem Cgil di Terna – Terna si autodefinisce tra i soggetti principali della transizione energetica,  nel campo della connessione delle fonti rinnovabili. Pertanto non si comprende come, a fronte dei quasi 9 miliardi di investimenti, di cui il 20 per cento in Sicilia per opere funzionali, e dei finanziamenti che arriveranno anche dalla comunità nazionale e internazionale, la Sicilia non debba avere anche un vantaggio in termini di possibilità occupazionali per i nostri territori”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]