Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Rifiuti: in bolletta costi non dovuti alla Rap dai comuni del Palermitano



“L’assessore regionale all’Energia intervenga immediatamente su quanto è avvenuto attorno alla discarica di Bellolampo: nonostante la ‘sesta vasca’ sia stata realizzata interamente  con fondi pubblici, infatti, la Rap (Risorse Ambiente Palermo) ha percepito dai comuni del Palermitano che conferiscono in discarica, una quota di circa 23 euro/tonnellata per ‘ammortamento per la realizzazione vasca VI’. Ma se la vasca è stata realizzata con fondi pubblici, a che titolo Rap incassa una quota per ‘ammortamento’ di un investimento che non ha fatto?”. Lo dice Antonello Cracolici, parlamentare regionale del PD, che ha presentato una interrogazione all’assessore regionale all’Energia.

“Oltretutto c’è un’altra palese incongruenza che salta agli occhi – aggiunge Cracolici – e che paradossalmente penalizza diverse amministrazioni del Palermitano che raggiungono una alta quota di raccolta differenziata. Il comune di Carini ad esempio effettua la differenziata per il 50%, con costi di raccolta superiori a quelli di Palermo che ha raggiunto una soglia pari a circa il 15%. La quota residuale dei rifiuti di Carini viene consegnata ad Ecoambiente, ditta affidataria che si occupa del trattamento dei rifiuti per conto di Rap, ma dal momento che la discarica di Bellolampo è quasi totalmente ‘intasata’ dai rifiuti provenienti dalla città di Palermo, Ecoambiente dirotta i rifiuti provenienti da altri comuni in discariche distanti centinaia di chilometri, con costi aggiuntivi per le amministrazioni e dunque per i cittadini”.

“Tornando all’esempio di Carini – prosegue Cracolici – possiamo dire che l’amministrazione paga ‘tre volte’: la prima per i costi maggiori necessari per effettuare la raccolta differenziata; la seconda per i costi maggiori per il trasferimento in altre discariche perché Bellolampo è piena di indifferenziati provenienti da Palermo; la terza per il costo del contributo di ‘ammortamento’ per la sesta vasca. È una situazione inaccettabile e paradossale che riguarda numerosi comuni del Palermitano e che configura, a nostro parere, anche introiti non dovuti da parte di Rap”.

“Attendiamo di conoscere dall’assessore all’Energia – conclude Cracolici – quali azioni intende intraprendere per consentire la restituzione ai comuni interessati, e quindi alla collettività, della quota di tariffa maggiorata dagli oneri dell’ammortamento che non erano dovuti”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]