Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Riqualificazione periferie, Catania firmerà la convenzione e nei prossimi giorni



Catania – Nei prossimi giorni anche Catania firmerà i contratti per il finanziamento degli interventi per le Periferie urbane, tra cui San Giovanni Galermo e Trappeto Nord. Ieri i primi comuni hanno sottoscritto a Palazzo Chigi le convenzioni per i primi 24 progetti di riqualificazione urbana per i quali è stata già attivata una prima tranche di 500 milioni di finanziamento. Prevista un’ulteriore quota quota di 1,6 miliardi, arrivando quindi ad una somma finale di 2,1 miliardi per un intervento complessivo di 124 progetti.

Nei prossimi giorni anche Catania firmerà i contratti per il finanziamento degli interventi per le Periferie urbane, tra cui San Giovanni Galermo e Trappeto Nord. Oggi, infatti, i primi comuni hanno sottoscritto a Palazzo Chigi le convenzioni per i primi 24 progetti di riqualificazione urbana per i quali è stata già attivata una prima tranche di 500 milioni di finanziamento. Prevista un’ulteriore quota quota di 1,6 miliardi, arrivando quindi ad una somma finale di 2,1 miliardi per un intervento complessivo di 124 progetti. Tra i quali, appunto, quelli che riguardano la nostra città.
Si tratta di un programma straordinario di interventi di riqualificazione urbana e per la sicurezze delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.
Per Catania sono previsti una serie di interventi nelle periferie: a San Giovanni Galermo e a Trappeto Nord, saranno sia azioni concrete come la manutenzione straordinaria della scuola Petrarca a Trappeto Nord ma anche con  azioni immateriali.
Gli interventi approvati da realizzare con il bando andranno, solo per citarne alcuni,  dal completamento di piazza Beppe Montana alla riqualificazione del Palagalermo, dal recupero della scuola Padre Santo Di Guardo al completamento della viabilità e al piano di recupero del quartiere Galermo. Si interverrà a tutto tondo riqualificando il territorio ma anche sviluppando nei due quartieri quelle azioni immateriali che riguardano la vita dei cittadini come tentare di ridurre il gap digitale di molti o il deficit di apprendimento o operare un freno deciso alla dispersione scolastica.
Si  opererà quindi anche sui sistemi di controllo del territorio alle attività sociali, all’orientamento formativo ai laboratori linguistici, allo sviluppo di una cultura del bene comune e laboratori di creatività, teatro, musica e reading con fruizioni innovative. Non sarà trascurato lo sport e la promozione di un ambiente favorevole agli investimenti  e allo sviluppo di start up innovative.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]