Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Rottamazione 3.0: i debiti col Fisco si cancellano anche via Facebook

Rottamare le cartelle esattoriali e dire addio ai propri debiti con il Fisco non è mai stato così semplice. Per la prima volta, i contribuenti potranno accedere al proprio cassetto fiscale e scegliere quali debiti rottamare tramite una semplice chat su Facebook. L’innovativo sistema è stato ideato dallo staff di avvocati dello studio legale Leone-Fell che da anni lavora sfruttando al massimo i sistemi digitali e l’intelligenza artificiale.

Collegandosi alla pagina Facebook dello studio legale, i contribuenti potranno chattare direttamente con i legali tributaristi e attraverso un form on line avranno accesso al proprio cassetto fiscale e avranno la possibilità di conoscere analiticamente la propria posizione debitoria. Il team legale dello Studio avvierà in poco tempo l’approfondimento della singola situazione del contribuente ed esporrà il quadro completo all’assistito. Il contribuente verrà affiancato durante tutto il percorso da uno specialista che gli indicherà anche le cartelle più convenienti da rottamare. Non appena l’assistito indicherà online le cartelle per cui vuole procedere, l’avvocato effettuerà la rottamazione vera e propria.

Rottamazione 3.0: un sistema innovativo, semplice e sicuro

“Si tratta di un sistema innovativo, semplice ma soprattutto sicuro, che abbiamo ideato per aiutare tutti quei contribuenti che hanno ancora delle cartelle esattoriali affidate all’agente della riscossione, ma non posseggono le competenze specifiche per avviare l’iter di rottamazione – spiegano Francesco Leone e Simona Fell, soci fondatori dello studio legale Leone-Fell – e grazie al sistema messo a punto dal nostro team di esperti digitali i contribuenti potranno effettuare cancellare i propri debiti direttamente da casa, senza doversi recare fisicamente all’Agenzia dell’entrate o perdere intere giornate dietro al farraginoso meccanismo online, con il rischio di commettere errori a cui poi non sarà possibile porre rimedio. Questo strumento permetterà di avvicinare le istituzioni al cittadino, creando un vero e proprio ponte di collegamento tra il Fisco e i contribuenti”.

Secondo i dati diffusi dall’Agenzia delle entrate-Riscossione, relativi alla Rottamazione bis, in poco più di 200 giorni, la rottamazione delle cartelle ha superato quota 950mila adesioni. Da tali dati è possibile prevedere che alla Rottamazione ter, procedura contenuta nel decreto fiscale 119/2018 per mezzo della quale qualsiasi contribuente può estinguere definitivamente i propri debiti col fisco senza pagare sanzioni e interessi di mora, accederanno altrettanti contribuenti o forse di più in ragione della possibilità di rateizzare il proprio debito fino a 18 rate spalmabili in 5 anni.

La rottamazione ter coinvolge tutti i contribuenti, sia quelli che non hanno aderito alle precedenti edizioni (rottamazione e rottamazione bis) sia coloro che lo hanno fatto. Con un emendamento approvato al decreto semplificazioni si è anche prevista una nuova apertura nei confronti di tutti quei debitori che non sono riusciti a pagare le rate scadute della rottamazione bis entro lo scorso 7 dicembre. Quest’ultimi potranno accedere alla rottamazione, ma avranno la possibilità di rateizzare i pagamenti in 3 anni e non in 5.

Si tratta, con tutta probabilità, dell’ultima possibilità di cancellazione dei propri debiti con il fisco. Il termine ultimo per accedere alla procedura è il 30 aprile 2019, oltre il quale la domanda non potrà più essere presentata.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

La casa green fa bene all’ambiente e anche al portafoglio. Nell’ultimo anno, complici le aspettative sul calo dei tassi di interesse e le offerte lanciate da alcune banche per cavalcare l’onda della direttiva Ue sull’efficientamento energetico degli immobili, il costo dei mutui per abitazioni di Classe A e B ha segnato una forte contrazione.  Secondo […]

2 min

La Ugri- Servizi per l’Ambiente è un’ azienda palermitana che opera, prevalentemente, con i suoi servizi in tutta la Sicilia, ma che sviluppa attività anche oltre lo Stretto. Lavora sia con il pubblico che con il privato. Ascoltare i bisogni della comunità è la mission con la quale la Ugri affronta il lavoro rivolgendosi alle […]

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]