Rsa e Case di riposo, ministro firma ordinanza: visite consentite con green pass



Cambiano le regole per le visite nelle Rsa e nelle Case di riposo completamente bloccate ormai da mesi a causa del Covid. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha infatti firmato l’ordinanza che riprende le indicazioni emerse sia dal confronto con le Regioni che dal Comitato tecnico scientifico. Il riferimento regolamentare è nel documento “Modalità di accesso/uscita di ospiti e visitatori presso le strutture residenziali della rete territoriale”, elaborato con Regioni e Comitato tecnico scientifico.

Case di riposo
Foto di eberhard grossgasteiger da Pixabay

Leggi anche

Certificazione verde Covid, come ottenerla e a chi richiederla

Alla base delle visite, come per tutte le attività riaperte in questo periodo, c’è la certificazione verde ormai più nota come green pass che si ottiene, come recita l’articolo 9 del decreto n. 52 del 22 aprile 2021, nel caso sia “avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2  o  guarigione dall’infezione da  SARS-CoV-2,  ovvero  l’effettuazione  di  un  test molecolare o  antigenico  rapido  con  risultato  negativo  al  virus SARS-CoV-2″.

Tutti gli incontri dovranno essere spalmati nel corso della giornata per evitare assembramenti e in ogni caso ogni ospite non potrà ricevere più di due visitatori alla volta. Una regola per la quale sono previste eccezioni solo in caso di particolari condizioni cliniche-psicologiche, come una “fase di fine vita” o se l’ospite è un minorenne.

Sono inoltre previsti “percorsi distinti di accesso e uscita”, l’utilizzo della mascherina FFP2 e il protocollo prevede la possibilità di “prendere considerazione” il “contatto fisico” in “particolari condizioni di esigenze relazionali/affettive”. Si chiede poi di “privilegiare” gli incontri “in spazi aperti”, dedicati alle visite. Nel caso in cui venissero utilizzate sale interne, il protocollo impone di “indentificare spazi idonei, ampi e arieggiati”. Nel caso in cui l’ospite sia una persona allettata e condivida la stanza con persone non vaccinate, la visita “può essere effettuata da una parte di un solo familiare”. Ai parenti viene richiesta la “corresponsabilizzazione” nell’ottica, si legge nel testo, della “massima condivisione delle scelte assunte”. Tra le altre indicazioni, anche quella del modello delle “bolle sociali” con “l’assunzione di responsabilità nelle condotte da assumere anche al di fuori della struttura”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]

5 min

Ad un anno dall’atto di costituzione, la Fondazione SOStain Sicilia entra nella fase operativa, con l’invito rivolto alle aziende siciliane verso l’iter di certificazione, sotto la guida del comitato scientifico della Fondazione.Gli obiettivi del programma, condivisi nel corso del webinar “SOStain è …”, moderato dalla giornalista Fernarda Roggero, firma de Il Sole 24 Ore,  sono stati elencati […]

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]