Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Startup, Codingavision cerca 60 aspiranti sviluppatori software



Codingavision, startup innovativa fondata a Palermo nel 2019, lancia una call per selezionare 60 aspiranti sviluppatori software da formare gratuitamente e assumere i migliori nel team o in altre aziende partner. Si possono inviare le candidature entro il 4 maggio sul sito www.codingavision.com.

I corsi si svolgeranno in remoto e mirano a formare professionisti che abbiano la capacità di lavorare direttamente da casa.

I 60 si aggiungeranno ai 10 ragazzi che stanno già per concludere il primo percorso lanciato ad Ottobre del 2019 come progetto pilota. Si tratta di un investimento importante per formare talenti siciliani su quattro differenti profili: iOS, Web Frontend, Android e Backend. I corsi sono gratuiti e altamente professionalizzanti, progettati su un approccio teorico/pratico e basati su metodologia scrum e ambiente agile.

“I percorsi formativi sono progettati all’ interno di un’ aula virtuale e mirano a formare professionisti in grado di gestire il lavoro in modalità remota. Lo sviluppo di un prodotto digitale può tranquillamente impiegare le risorse in remoto e consentire ai componenti del team la scelta del proprio luogo di lavoro – spiega Massimiliano Costa, Founder e CEO della startup – Un talento del Sud Italia può sviluppare software per una grande azienda di Berlino, Londra o San Francisco. Il digitale non ha limiti e annulla le distanze.”

“Smart working e remote learning sono terminologie che ormai stanno entrando in modo dirompente nella nostra quotidianità. Il momento storico che stiamo vivendo a livello globale è difficile e imprevedibile – continua Costa – stanno cambiando le nostre abitudini e le nostre prospettive. Questa crisi avrà un impatto economico, sociale e culturale di cui ancora non conosciamo le proporzioni, ma non possiamo stare fermi, abbiamo il dovere di reagire e di innovare il nostro modo di stare al mondo.”

“Formiamo gratuitamente i ragazzi del Sud per fargli scegliere liberamente dove vivere e lavorare, e sopratutto – spiega Alessandro Balsamo, General Manager a Palermo – in un momento storico come quello che stiamo vivendo, lanciare un percorso di formazione che da la possibilità di potersi formare e poi lavorare direttamente da casa assume un carattere di importanza straordinaria.”

La Commissione UE calcola il numero delle offerte di lavoro in ambito digitale per il 2020 all’interno di un range tra 700 mila e 1,3 miloni, e più precisamente la professionalità maggiormente ricercata è quello dello sviluppatore di software: 250 mila. A fronte di questi numeri così grandi mancano i professionisti in grado di incrociare le opportunità di lavoro, e pensare che nelle regioni del Sud Italia la disoccupazione giovanile ha sfondato il parametro del 50%.

LA STARTUP

La startup nasce da un’intuizione di Massimiliano Costa, 34 anni, CEO & Founder di Codingavision. Un master alla Columbia University e attualmente direttore a Berlino di un progetto delle Nazioni Unite che si chiama Share the Meal, l’app più importante al mondo nel settore delle donazioni per contrastare le fame nelle aree più a rischio. Nell’ambito della sua esperienza a Berlino si rende conto di dover impiegare tra 2 e 3 mesi per assumere un nuovo sviluppatore o per rimpiazzare uno professionista che decide di cambiare aria. Ne mancano davvero tanti. Ha sempre pensato di voler costruire una vera e propria agenzia che sviluppo prodotti digitali innovativi, ma vista la difficoltà nel reperire sul mercato i professionisti pensa bene di affiancare alla software house una scuola libera e gratuita che formi gli sviluppatori. Ecco l’idea di fondare Codingavision.

Salgono a bordo del team Alessandro Balsamo, dieci anni di esperienza nelle Istituzioni, prima Bruxelles e Strasburgo, poi Milano e Palermo e Sasa Sekulic, CTO, sviluppatore senior in ambito mobile, con venti anni di esperienza che ha lavorato, tra gli altri, per Telecom, Deltatre, Nazioni Unite e alcune tra le startup più importanti di Berlino. La società sta già sviluppando prodotti digitali per clienti internazionali e nel giro di un anno metterà sul mercato un prodotto realizzato internamente. Prodotti e progetti su cui vengono coinvolti i ragazzi della scuola, con l’obiettivo di formarli on the job attraverso una modalità pratica e professionalizzante.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]