Sviluppo Italia Sicilia, audizione dei sindacati in commissione all’Ars



Palermo – Audizione delle rappresentanze sindacali Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Fabi presso la V Commissione Lavoro dell’ARS – Cultura, Formazione, Lavoro, presieduta da Marcello Greco sulla tutela occupazionale dei 146 lavoratori delle società regionali licenziati e inseriti nell’Albo unico. I sindacati, che rappresentavano i lavoratori di Sviluppo Italia Sicilia, Ciem, Cerisdi, Lavoro Sicilia, hanno posto in evidenza come, nonostante nel corso del 2016 il Parlamento abbia approvato una serie di norme volte a tutelare i lavoratori e abbia dato una copertura finanziaria, ancora i lavoratori non siano stati ricollocati nella società partecipata Sas (società servizi ausiliari Sicilia).

All’audizione erano invitati il vicepresidente della Regione Mariella Lo Bello, il ragioniere generale della Regione Sammartano, Grazia Terranova dirigente dell’ufficio speciale per le liquidazioni, Filippo Nasca dirigente del servizio partecipazioni e liquidazioni, in rappresentanza dell’Assessorato all’Economia. Gli scranni del governo sono rimasti “incomprensibilmente vuoti”.
I sindacati hanno anche rammentato che lo scorso 19 dicembre l’Ufficio legislativo e legale della presidenza della Regione ha dato parere favorevole alla ricollocazione dei lavoratori nella SAS e che l’assemblea dei soci della stessa SAS, lo scorso 22 dicembre, ha a approvato il PEA – Piano Economico Annnuale 2017, il POS – Piano Operativo Strategico 2017/2019 nonché il piano dei Servizi e del Personale che prevedono l’assorbimento di tutti i lavoratori presenti nell’Albo. “Fino ad oggi – dichiarano i sindacati – a nulla sono valse le rassicurazioni fornite dall’Assessore Baccei nella precedente audizione dello scorso 25 ottobre, presso la stessa Commissione lavoro, in cui si ipotizzava una soluzione della vicenda in tempi brevi e l’impianto normativo approvato negli anni dal Parlamento Siciliano (dall’art. 20 della LR 11/2010, all’art.64 della LR 21/2014, l’art.11 LR20/2016 e infine l’ art. 62 della LR 3/2016) è rimasto lettera morta”.
Nel pomeriggio di ieri i sindacati sono stati ricevuti dal Presidente Crocetta al quale si sono appellati “per una risoluzione della vicenda in tempi rapidi e per non mortificare la volontà del Parlamento, che si è espresso con chiarezza sulla volontà di tutelare una platea di lavoratori altamente qualificati che potrà continuare – questo è l’auspicio dei sindacati – a dare il proprio contributo professionale per lo sviluppo della Sicilia, ma in vesti diverse”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]