Turismo a Palermo: cartina di quartiere autofinanziata dai commerciati



Il Quadrilatero di Sant’Eligio, il quartiere storico degli argentieri, in pieno Centro a Palermo ci riprova. Dopo aver costituito il Comitato per la creazione del Centro Commerciale Naturale punta adesso sul prossimo turismo estivo. E lo fa  scommettendo su turismo interno e internazionale!

cartina Palermo Turismop

Un lungo lavoro di gruppo, svolto durante la serrata per l’ emergenza Covid, ha portato, grazie ad una autotassazione tra i commercianti e i proprietari di B&B della zona, alla realizzazione di una cartina artistica di quartiere dove vengono messe insieme le bellezze storiche di questa importante via del Centro storico assieme alle tante offerte culturali e di svago che la realtà del Quadrilatero può offrire ai visitatori.

Saranno distribuite da domani, sabato,  le oltre 5mila cartine turistiche realizzate affinché i prossimi turisti che sceglieranno Palermo potranno scegliere il Quadrilatero di Sant’Eligio come metà preferita per una passeggiata, per ammirare le tante vetrine dei gioiellieri o un aperitivo serale. “Finalmente i commercianti storici di via Meli – dichiara Giacomo Bacile, terza generazione di argentieri – si sono messi insieme e hanno cominciato a collaborare per rilanciare questo storico quartiere di Palermo che merita sicuramente più di quanto fino ad ora ha avuto”. 

Una strada questa, via Meli, che diventa strategica nel percorso pedonale e turistico che il Comune di Palermo ha definito. Via Meli, infatti, può essere la “ Via – Salotto storico” della città che accompagna il turista verso il porto storico de La Cala dopo aver visitato il centro storico. Una strada che chiude il progetto di circuito pedonale e turistico da poco rilanciato di via Amari – via Ruggero e via Maqueda. “Pur con tutti i sacrifici che i commercianti del quartiere fanno – spiega Massimo Mirabella, ideatore del prossimo Centro Commerciale Naturale Quadrilatero di Sant’Eligio – soffriamo ancora per l’assenza delle istituzioni. Dal 2018 si attende che il Coime ultimi la collocazione dei dissuasori lungo via Meli per evitare la sosta delle auto. Le macchine posteggiate lungo questa storica strada non apportato niente in termini di commercio. 

Lungo via Meli, anzi, sono considerate un elemento di disturbo estetico da parte del turista. Speriamo che il Comune si decida a ultimare la collocazione dei dissuasori che da tanto attendiamo e che dia finalmente seguito all’ultima delibera, dello scorso febbraio, che appunto confermava proprio alla semipedonalizzaizone della zona. Ad oggi non abbiamo i dissuasori che eviterebbero la sosta selvaggia su via Meli anche se sulla carta sono già collocati”! 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]