Upskill 4.0, progetto pilota dell’Its Steve Jobs Academy di Caltagirone



Prende avvio oggi a Caltagirone (CT) un innovativo progetto teso a rafforzare la collaborazione tra Istituti tecnici Superiori (ITS) ed imprese, con l’obiettivo di dare maggiori opportunità ai giovani tecnici che completeranno gli studi presso questi Istituti di trovare in tempi brevi un lavoro qualificato o, in alternativa, di poter avviare loro attività professionali o imprenditoriali.

Steve Jobs Academy di Caltagirone


Questi sono gli obiettivi che Fondazione Sicilia, ente finanziatore dell’iniziativa, ha affidato ad Upskill 4.0, la società che cura lo sviluppo del progetto. Upskill 4.0 è uno spin off dell’Università Ca’ Foscari Venezia, che capitalizza l’esperienza pluriennale maturata in questo campo dal team di docenti, ricercatori e professionisti che hanno dato vita dal 2017 fino ad oggi al progetto su scala nazionale “ITS 4.0” finanziato da MIUR. Nella compagine della società anche numerosi ITS italiani e il partner finanziario UniCredit.


Maria Giovanna Gulino, Consigliera di Amministrazione di Fondazione Sicilia e referente per il progetto, ha dichiarato: “Fondazione Sicilia riconosce nel progetto presentato da UPSKILL 4.0 un importante volano per colmare il gap formativo tra domanda e offerta di lavoro qualificato da parte di giovani e imprese e per promuovere altresì nuova imprenditorialità locale”.

L’iniziativa ha un orizzonte pluriennale. La prima fase attuativa vede protagonista l’ITS “Steve Jobs Academy” di Caltagirone, specializzato nelle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, nel campo dello sviluppo software, del design e della programmazione di videogame attraverso corsi di studi biennali dall’approccio informale ed esperienziale.

“Siamo grati a Fondazione Sicilia per la scelta fatta e particolarmente contenti dell’opportunità di sviluppare questo progetto con Steve Jobs Academy di Caltagirone, istituto che abbiamo avuto modo di ben conoscere e apprezzare – dichiara Stefano Micelli, professore all’Università Ca’ Foscari Venezia e Presidente di Upskill 4.0 – La nostra missione è costruire ponti tra ITS e imprese, accompagnando percorsi sperimentali di innovazione che vedono collaborare team di giovani studenti ITS, affiancati dal loro insegnante, con imprese che lanciano loro delle sfide innovative da risolvere nell’arco di alcuni mesi. L’esperienza fatta in questi anni testimonia risultati che molto spesso vanno oltre le attese.”
Il Presidente della Fondazione ITS Steve Jobs, Prof. Francesco Pignataro dichiara “Abbiamo già sviluppato in passato progetti simili nell’ambito di ITS 4.0 e confermo il grande appezzamento da parte dei nostri giovani tecnici in formazione. Il nostro motto è “Il futuro inizia qui”, nelle nostre aule. Perché sono spazi aperti all’innovazione e all’interazione con le imprese, dalle piccole e medie imprese dei nostri territori alle multinazionali che hanno una loro presenza importante nell’Isola”.

Partner dell’iniziativa UniCredit ed Eni con la sua Joule

Salvatore Malandrino, Regional Manager Sicilia di UniCredit, ha dichiarato: “Il lancio di questo progetto presentato da Upskill 4.0 riveste una valenza strategica per lo sviluppo e la crescita della Sicilia, andando a puntare proprio sulla nostra risorsa più importante: i giovani. UniCredit, principale banca di riferimento del territorio siciliano, vuole rivestire un ruolo attivo nel sostegno di questi ragazzi: affiancheremo l’iniziativa puntando sull’educazione finanziaria e su una formazione mirata all’autoimprenditorialità, attraverso il nostro programma UniCredit Banking Academy. Inoltre siamo fiduciosi che questa iniziativa porterà al fiorire di nuovi e interessanti progetti imprenditoriali: a tal fine, ribadiamo il nostro impegno nel supportarli attraverso la consulenza e soluzioni finanziarie dedicate, ma anche tramite programmi specifici, come ad esempio UniCredit Start Lab, il programma di accelerazione dedicato alle Start Up ad alto contenuto tecnologico”.

“Il sostegno di Joule a questa iniziativa – afferma Mattia Voltaggio Head of Startup Acceleration – si inquadra nell’impegno da parte di Eni nella formazione di nuove generazioni di imprenditori aperti all’innovazione e alla sostenibilità. Attraverso la Scuola per l’impresa Joule, infatti, Eni intende dare forza alle idee, coltivarle e farle crescere, soprattutto in questo momento di grande ripartenza. E siamo lieti di poterlo fare in particolare in Sicilia, dove intendiamo contribuire a sviluppare competenze e a creare nuove connessioni sul territorio”.


Informato dell’iniziativa, il Prof. Roberto Lagalla, Assessore all’Istruzione e alla Formazione Professionale della Regione Siciliana, ha dichiarato: “È un’opportunità che apre la strada tra formazione e imprese, tra domanda e offerta di lavoro, un obiettivo sul quale il governo regionale ha orientato l’attività degli ultimi anni e che, anche grazie a questa inedita e sperimentale iniziativa, possiamo ritenere quasi raggiunto”.


Le imprese e le loro sfide innovative verranno presentate a settembre, all’inizio del nuovo anno scolastico, nell’ambito dell’evento istituzionale di presentazione al pubblico del progetto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]