Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Vino, in Sicilia 28 aziende fatturano in totale oltre 356 milioni



 Un fatturato aggregato totale nel 2015 di quasi 356,5 milioni di euro e un andamento rispetto all’anno precedente in chiaroscuro. Sono i numeri essenziali sulle 28 maggiori cantine vitivinicole siciliane tratti dallo studio condotto da Sebastiano Torcivia, Coordinatore del Master Universitario di Primo livello “Manager delle aziende del settore vitivinicolo” dell’Università degli Studi di Palermo.

 “Il 2015 è stato certamente un anno di ulteriore consolidamento, sia per il miglioramento complessivo del fatturato, ma soprattutto del risultato netto d’esercizio, a livello di sistema regionale – dice Torcivia -. E’ ulteriormente migliorata la capacità di export delle aziende più grandi sopra analizzate ed, ancora una volta, quest’anno sono intervenute operazioni di razionalizzazione e di riorganizzazione delle condizioni generali di funzionamento, al ritorno a maggiori conferimenti dei prodotti (società cooperative), all’emersione di risultati positivi derivanti da scelte di fusione avviate in passato (Tasca), alla continua scelta di  patrimonializzazione/rafforzamento (Cusumano e Donnafugata), quali scelte gestionali per una gestione più efficace ed efficiente”. Ben 28 aziende, pari al 3,5% del totale delle aziende imbottigliatrici del settore in regione (circa 800), raggiungono valori, con una notevole concentrazione nel settore. Dai dati emerge un miglioramento del fatturato complessivo, con 15 milioni circa di incremento, pari al 4,42%. Ma c’è anche un miglioramento complessivo del risultato reddituale di tutte le aziende, passato da un valore di 2,3 milioni di euro ad un valore sempre positivo di circa 3 milioni di euro. (+32,69%).

Lo studio riguarda solo le aziende cosiddette “grandi”, cioè quelle che, secondo la classificazione del docente universitario utilizzata da dieci anni, raggiungono il milione di pezzi confezionati/imbottigliati, quale che sia il packaging e formato utilizzato, quindi non solo le bottiglie; i valori sono riferiti, all’unità di misura di 0,75 litri. Le aziende in Sicilia che soddisfano queste condizioni sono 28. Di queste, 21 hanno forma di società di capitali (15 Srl e Spa, e 6 sono società cooperativa); sei hanno forma di società di persona e similari (Planeta, Gorghi Tondi, Maremonti, Buccellato, Aziende agricole Pollara, Intorcia), una è la Solsicano Srl, con autonomia giuridica dal 2013, società del gruppo Mezzacorona (già Feudo Arancio).

Secondo lo studio, Cusumano, Donnafugata, Barone Montalto e Tasca d’Almerita sono le 4 cantine siciliane tra le 28 saminate che hanno registrato i maggiori utili nell’esercizio finanziario 2015. Guardando i fatturati, invece, vediamo che Grottarossa, Colomba Bianca e Cantine Europa sono le tre aziende che, sempre nell’anno 2015, hanno registrato i maggiori incrementi dei ricavi. Mentre Orestiadi, Solsicano e Duca di Salaparuta, sono quelle con la perdita più ampia. Nel dettaglio, sono solo due le aziende con un valore superiore ai 40 milioni di euro: Settesoli (48.321.802 euro) e Cantina Cooperativa Ermes con  45.794.293 euro; sono 12 le aziende con fatturati superiori ai 10 milioni di euro (Duca di Salaparuta, Colomba Bianca, Barone Montalto, Cantine Europa, Tasca d’Almerita, Cusumano, Pellegrino, Donnafugata, Planeta, Cantine Paolini, Firriato, Cantina Birgi); 4 le cantine con un fatturato compreso tra 5 e 10 milioni di euro (Nicosia, Ivam, Rapitalà, Grottarossa); sei aziende con fatturato inferiore ai 5 milioni di euro (Arini Curatolo, Solsicano, Tenimenti Zabù, Orestiadi, Fratelli Lombardo, Principe di Corleone).

Come è andata rispetto all’anno precedente

“Con riferimento specifico al trend, rispetto ai valori dell’anno precedente ben 16 aziende migliorano il loro fatturato – continua il docente -, mentre le restanti sette peggiorano tale dato (delle altre non si hanno dati specifici e si è stimata una costante nel valore tra i due anni). Interessante notare come ben sei aziende siano tutte riuscite a superare il valore di circa 15 milioni di fatturato sul quale da tempo erano ancorate, mentre una quinta si appresta a raggiungerlo (è il caso dell’azienda Planeta, i cui dati spiega il professore Torcivia sono stati attinti dall’elaborazione della giornalista Anna Di Martino). L’azienda Duca di Salaparuta perde il 6,95% del fatturato, mentre guadagna l’1,06% la Cooperativa Settesoli. Risalta, invece, la brillante performance dell’azienda Colomba Bianca (+24,12%), delle Cantine Europa (+22,18%) delle cantine Ermes (+ 10,63%), di Barone Montalto (+24,12%), – azienda che ha trasferito la propria sede sociale fuori dalla regione –  di Conte Tasca d’Almerita (+2,80%), di Donnafugata (+ 7,55%)”. Leggero decremento per il fatturato per l’azienda Rapitalà, facente capo al gruppo Giv (-3,67%) , mentre Solsicano ha un decremento più rilevante (-17,32%). Un‘analisi particolare meritano le società cooperative, che sono 6. A parte i valori della Settesoli, prima azienda in regione per valore del fatturato, le altre hanno avuto più che buone performance con rilevante incremento del fatturato (Colomba Bianca, Ermes e Cantine Europa, cantine Birgi, mentre perde fatturato Paolini, con -5,35% ), segno di una ripresa dei conferimenti da parte dei soci, dopo alcune scelte gestionali inerenti la vendemmia verde e lo sviluppo dell’export. La perdita rilevante di fatturato di Orestiadi (-46,63%) va chiarita con il passaggio dell’imbottigliato in capo alla società Ermes (+10,63%). Sul piano dei risultati reddituali occorre svolgere alcune necessarie considerazioni, tenendo conto che solo un’azienda – tra le grandi esaminate – ha chiuso in perdita (Duca di Salaparuta).

L’andamento del reddito medio per cantina

Il reddito netto è la differenza tra ricavi totali e costi totali relativi ad un periodo amministrativo. Insomma è la capacità dell’azienda di distibuire gli utili agli aventi diritto, dopo la copertura di tutti i costi sostenuti; quindi, un valore significativo, rappresenta una più che buona capacità di gestione, di poter remunerare congruamente l’opera dell’imprenditore. Tali considerazioni trovano una lettura molto differente e particolare nel settore e, in particolare, con riferimento alle aziende da noi esaminate. Si nota, infatti, la presenza di tre sole aziende con un più che significativo valore del reddito netto, con segno positivo e cioè Cusumano, (+2.669.011),  Donnafugata (+ 919.110) e Barone Montalto (+753.901). Si tratta, tra l’altro, di aziende che confermano tali brillanti performance, in particolare la prima, con valori che, da oltre un quinquennio, si attestano, sempre su tali medesimi alti livelli.

Ben altre diciotto aziende, come si legge nello studio di Torcivia, hanno risultati reddituali positivi e tra queste, con valori più elevati, Conte Tasca d’Almerita (506.857), Pellegrino (216.271), Ivam (139.762), Arini Curatolo (124.577),  Rapitalà (48.047), Grottarossa (39.599), Solsicano (89.835). Degna di attenzione, ma assolutamente in linea con i precedenti risultati netti, da parecchi anni, è quello dell’azienda Duca di Salaparuta che soffre una perdita d’esercizio rilevante, pari ad € -2.678.132. Tale risultato, come già precisato gli anni passati, oltre a scontare una politica di appartenenza ad un gruppo, con logiche di consolidato fiscale, risente del rilevante valore dell’ammortamento dei marchi ed altri beni immateriali, scaturenti dal disavanzo di fusione, iscritto anni fa, in sede di acquisizione da parte della controllante Illva di Saronno.

Le maggiori cantine siciliane per ordine di fatturato  nel 2015 (cifre in euro)

CantineFatturato
Settesoli48.321.802
Cantina Cooperativa Ermes45.794.293
Duca di Salaparuta35.871.678
Colomba Bianca cooperativa28.483.260
Barone Montalto19.252660
Cantine Europa17.082.244
Tasca d’Almerita16.978525
Cusumano16.051.261
Pellegrino16.038.191
Donnafugata15.269.246
Planeta14.340.000
Cantine Paolini12.665.644
Firriato11.093.957
Cantina Birgi10.362.100
Nicosia8.317.880
Ivam6.475.814
Rapitalà5.903.611
Grottarossa5.739.798
Arini Curatolo 18754.471.307
Solsicano4.280.772
Tenimenti Zabù3.714.307
Orestiadi3.673.266
Fratelli Lombardo3.313.013
Principe di Corleone3.000.000
Totale356.494.629

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]