Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Zone franche montane, domani sit-in di protesta

«Non possiamo più aspettare i tempi della politica, bisogna intervenire prima che sia troppo tardi». È l’appello lanciato dal comitato promotore per l’istituzione delle Zone Franche Montane (Zfm) a livello regionale.

Ed è il motivo per cui domenica 8 settembre è stato organizzato un Sit-in per sensibilizzare la deputazione e il governo regionale a legiferare a favore di una fiscalità di sviluppo dedicata alle aree interne dell’Isola. L’appuntamento è a partire dalle 9.30 in piazza Europa a Castellana Sicula, in provincia di Palermo.

«Le aree di montagna della Sicilia – spiegano dal comitato – da oltre 1600 giorni attendono che l’Assemblea Regionale Siciliana legiferi a favore della fiscalità di vantaggio». Il comitato – del quale fanno parte l’associazione Il Caleidoscopio, i Consorzi Centri Commerciali Naturali di Gangi, Petralia Sottana, Polizzi Generosa e Nicosia, le organizzazioni datoriali Confesercenti Madonie, Cidec, Casa Artigiani Madonie, il sindacato dei lavoratori Cgil Madonie e l’associazione Borghi più belli d’Italia Sicilia – dà, così, inizio alle azioni di protesta per «sensibilizzare la deputazione regionale affinché il disegno di legge 3/2017 possa essere convertito in legge».

Il comitato ha interloquito costantemente con la Regione, non ultimo l’incontro con la Regione che c’è stato lo scorso 5 settembre quando una delegazione, guidata dal sindaco di Nicosia Luigi Bonelli, è stata ricevuta dal vicepresidente della Regione Sicilia e assessore all’Economia Gaetano Armao. «I nostri Comuni – ha sottolineato Bonelli – vivono un contesto di grave marginalità e profondo svantaggio rispetto ad altre aree regionali».

In quella occasione, il comitato promotore aveva già anticipato le proteste per l’approvazione del disegno di legge. «Nei mesi scorsi – ricordano Vincenzo Lapunzina e Enzo Spinelli del comitato regionale per le Zfm – abbiamo depositato una proposta di emendamento al Ddl 3/2017. Non ci fermeremo – ribadiscono – finché da Sala d’Ercole non arriveranno risposte concrete».

Per quanto riguarda la copertura finanziaria, è stato lo stesso Armao ad assicurare che «appena verrà esitato il Ddl potremmo usufruire anche del Fondo di Sviluppo e coesione». In aggiunta alla proposta del comitato promotore, anche l’assessore sostiene la necessità di «recuperare misure, norme e incentivi che attraggano chi vuole venire a vivere in Sicilia».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

La casa green fa bene all’ambiente e anche al portafoglio. Nell’ultimo anno, complici le aspettative sul calo dei tassi di interesse e le offerte lanciate da alcune banche per cavalcare l’onda della direttiva Ue sull’efficientamento energetico degli immobili, il costo dei mutui per abitazioni di Classe A e B ha segnato una forte contrazione.  Secondo […]

2 min

La Ugri- Servizi per l’Ambiente è un’ azienda palermitana che opera, prevalentemente, con i suoi servizi in tutta la Sicilia, ma che sviluppa attività anche oltre lo Stretto. Lavora sia con il pubblico che con il privato. Ascoltare i bisogni della comunità è la mission con la quale la Ugri affronta il lavoro rivolgendosi alle […]

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]