Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Zone franche montane, domani sit-in di protesta



«Non possiamo più aspettare i tempi della politica, bisogna intervenire prima che sia troppo tardi». È l’appello lanciato dal comitato promotore per l’istituzione delle Zone Franche Montane (Zfm) a livello regionale.

Ed è il motivo per cui domenica 8 settembre è stato organizzato un Sit-in per sensibilizzare la deputazione e il governo regionale a legiferare a favore di una fiscalità di sviluppo dedicata alle aree interne dell’Isola. L’appuntamento è a partire dalle 9.30 in piazza Europa a Castellana Sicula, in provincia di Palermo.

«Le aree di montagna della Sicilia – spiegano dal comitato – da oltre 1600 giorni attendono che l’Assemblea Regionale Siciliana legiferi a favore della fiscalità di vantaggio». Il comitato – del quale fanno parte l’associazione Il Caleidoscopio, i Consorzi Centri Commerciali Naturali di Gangi, Petralia Sottana, Polizzi Generosa e Nicosia, le organizzazioni datoriali Confesercenti Madonie, Cidec, Casa Artigiani Madonie, il sindacato dei lavoratori Cgil Madonie e l’associazione Borghi più belli d’Italia Sicilia – dà, così, inizio alle azioni di protesta per «sensibilizzare la deputazione regionale affinché il disegno di legge 3/2017 possa essere convertito in legge».

Il comitato ha interloquito costantemente con la Regione, non ultimo l’incontro con la Regione che c’è stato lo scorso 5 settembre quando una delegazione, guidata dal sindaco di Nicosia Luigi Bonelli, è stata ricevuta dal vicepresidente della Regione Sicilia e assessore all’Economia Gaetano Armao. «I nostri Comuni – ha sottolineato Bonelli – vivono un contesto di grave marginalità e profondo svantaggio rispetto ad altre aree regionali».

In quella occasione, il comitato promotore aveva già anticipato le proteste per l’approvazione del disegno di legge. «Nei mesi scorsi – ricordano Vincenzo Lapunzina e Enzo Spinelli del comitato regionale per le Zfm – abbiamo depositato una proposta di emendamento al Ddl 3/2017. Non ci fermeremo – ribadiscono – finché da Sala d’Ercole non arriveranno risposte concrete».

Per quanto riguarda la copertura finanziaria, è stato lo stesso Armao ad assicurare che «appena verrà esitato il Ddl potremmo usufruire anche del Fondo di Sviluppo e coesione». In aggiunta alla proposta del comitato promotore, anche l’assessore sostiene la necessità di «recuperare misure, norme e incentivi che attraggano chi vuole venire a vivere in Sicilia».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]