Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Coronavirus, fase 3: FlixBus riattiva tratte internazionali



Dopo aver annunciato la ripartenza in Italia nelle scorse settimane, FlixBus torna operativa anche sulle rotte internazionali: da domani, giovedì 18 giugno, gli autobus verdi torneranno a viaggiare dall’Italia anche verso Parigi, con fermate intermedie a Chambéry e a Lione.
Nonostante in Italia il settore bus sia stato escluso dagli aiuti del Governo, la riattivazione dei primi collegamenti transfrontalieri da parte di FlixBus è resa possibile dalla riapertura, nella giornata di lunedì 15 giugno, dei confini nazionali tra vari Stati, coinvolgendo, fra gli altri, anche Germania, Austria, Francia, Polonia e Repubblica Ceca (in molti di questi Paesi, come in Italia, FlixBus è tornata attiva con una rete domestica ridotta).
In base alla domanda, il leader europeo dei viaggi su gomma punta a incrementare ulteriormente il numero delle destinazioni raggiungibili in futuro.

Incondi: «Senza aiuti dal Governo, ora a rischio concorrenza e diritto alla mobilità»
Anche nel nostro Paese, FlixBus mira ad aumentare progressivamente la capillarità del network, perseguendo, come sempre, il duplice obiettivo di offrire un’alternativa di mobilità per tutte le tasche sulle principali direttrici e garantire, al contempo, un servizio efficiente a chi risiede in aree penalizzate da una scarsa penetrazione ferroviaria. Ma le prospettive sono incerte: nonostante il ruolo sociale svolto in tal senso da FlixBus e dalle altre imprese della lunga percorrenza, ad oggi il settore rimane escluso dalla strategia di rilancio per i trasporti delineata dal Governo nell’ambito del DL Rilancio.

«In questi giorni stiamo ricevendo diverse richieste da parte di moltissimi comuni, oltre che da parte dei cittadini, per riprendere, aumentare o attivare ex novo collegamenti e tratte, soprattutto da quelle regioni dove gli altri mezzi di trasporto non arrivano. Vorremmo rispondere positivamente a tutti, ma seguendo quotidianamente le attività, senza una reale possibilità di pianificazione non possiamo nasconderci che la ripresa dei servizi sarà lenta e incerta» afferma Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia.
«Servono risorse adeguate per far ripartire centinaia di aziende e non lasciarle morire. Se non si interviene è a rischio l’effettivo diritto alla mobilità delle persone e vengono messe in discussione le normali regole in materia di concorrenza, italiane ed europee, che garantiscono parità di trattamento a tutti gli operatori. Per questo, ancora una volta, chiediamo al Governo, e in particolare al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e alla Ministra Paola De Micheli, di rendere possibili interventi a supporto anche del settore delle linee di autobus di lunga percorrenza» così Incondi.

«Ogni investimento avrà delle ricadute positive sul fronte dei trasporti nel suo complesso – poiché gli autobus sono un mezzo fondamentale in un’ottica di spostamenti intermodali, soprattutto per raggiungere i centri minori – e sul rilancio del turismo nel nostro Paese. In questa estate che tutti auspichiamo all’insegna della riscoperta della natura, del patrimonio, della ricchezza delle migliaia di piccoli comuni italiani, rischiare di mettere a repentaglio la sopravvivenza delle aziende del trasporto di bus di linea sulla lunga percorrenza, che sarebbero proprio quelle in grado di garantire migliaia di collegamenti ogni giorno tra centinaia di realtà del Bel Paese, sarebbe un vero azzardo per la ripresa economica», conclude Incondi.

Italia: si espande il network minimo. Gli autobus verdi verso 130 città del Paese rispetto alle 500 collegate prima della pandemia
Sulla base del crescente afflusso osservato sui collegamenti nazionali nelle prime due settimane di giugno, FlixBus espande ora, sempre da giovedì 18 giugno, la propria rete nazionale da 70 a 130 destinazioni: alle fermate riattivate il 3 giugno si aggiungono ora, fra le città capoluogo di provincia, Imperia, La Spezia, Alessandria, Vicenza, Trieste, Modena, Ferrara, Ravenna, Lucca, Ancona, Teramo, L’Aquila, Potenza, Matera, Taranto, Vibo Valentia e Ragusa. Tornano attive anche le corse per gli aeroporti di Malpensa e Lamezia Terme.
In un’ottica di rilancio del turismo, ripartono poi le rotte verso mete balneari in Liguria (Ventimiglia e Sanremo), Romagna (lidi ravennati, Cervia, Milano Marittima e Cesenatico), nelle Marche (Porto Recanati e Civitanova Marche) e in Abruzzo (Alba Adriatica), Molise (Termoli), Puglia (Polignano a Mare, Ostuni, Otranto e Gallipoli), Calabria (Sibari, Strongoli Marina e varie altre mete del litorale ionico) e Sicilia (Taormina). Partono inoltre i primi collegamenti per le località di Porto Cesareo, Ugento e Santa Maria di Leuca nel Salento.
Completa il quadro la ripartenza delle tratte per Oulx, Osimo, Loreto, Orte, Todi, Giulianova, Mola di Bari, Gioia del Colle, Francavilla Fontana, Massafra, Grottaglie, Manduria, Avetrana, Nardò, Maglie, Spezzano Albanese, Tarsia, Rosarno, Modica, Comiso e Lentini, in linea con la volontà di non lasciare scollegati i cosiddetti centri minori della Penisola.

Igiene e sicurezza a bordo: tutte le misure prese da FlixBus
Tra le misure di sicurezza attuate da FlixBus si possono citare l’accurata pulizia e disinfezione dei mezzi, sanificati alla fine di ogni corsa e sottoposti a sanificazione aggiuntiva nelle maggiori autostazioni, l’imbarco previsto esclusivamente dall’entrata posteriore, il check-in in modalità touch-less e la presenza di un dispenser con gel disinfettante per l’intera durata del viaggio. A tali misure si aggiunge la garanzia della distanza minima anche nelle fasi di imbarco e di sbarco, e l’obbligo di indossare la mascherina di protezione prima, durante e alla fine del viaggio.
I passeggeri di FlixBus che acquistano il proprio viaggio sul sito www.flixbus.it o tramite l’app FlixBus gratuita saranno informati delle misure di sicurezza implementate a bordo all’interno della conferma di prenotazione. Tali misure vengono inoltre illustrate a bordo dagli autisti FlixBus.
L’applicazione di misure di sicurezza più stringenti della media e la collaborazione continuativa con le istituzioni e le autorità sanitarie costituiscono per FlixBus prerequisiti fondamentali nella fase di rilancio, nell’ottica di garantire ai passeggeri un’esperienza quanto più piacevole possibile. Allo stesso tempo, la società si appella al loro senso di responsabilità perché supportino gli sforzi messi in campo per tutelare la salute loro e del personale di bordo osservando un atteggiamento coscienzioso.
Tutte le misure di sicurezza implementate da FlixBus sono elencate in dettaglio all’interno della sezione dedicata sul sito.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]