Covid-19: Philip Morris sospende la produzione a Bologna
Press "Enter" to skip to content

Covid-19: Philip Morris sospende la produzione a Bologna

Philip Morris International Inc. ha annunciato oggi la sospensione temporanea della produzione presso Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna SpA, a causa della situazione in corso relativa a Covid-19. In accordo con le parti sociali, la Società ha deciso di sospendere la produzione per un periodo di una settimana e di sostenere gli sforzi del governo per limitare la propagazione di Covid-19.

La società ha annunciato che monitorerà attentamente la situazione al fine di riavviare le operazioni il più presto possibile, fatte salve le esigenze del governo.
Philip Morris non si aspetta attualmente situazioni di esaurimento di scorte nei principali mercati e ritiene che i consumatori abbiano ancora un accesso adeguato ai propri prodotti.

Nell’ambito dei suoi piani di continuità operativa in corso, vi sono inventari adeguati di prodotti finiti, in media su tutti i mercati, di oltre due mesi per le unità di tabacco riscaldate, oltre tre mesi per i dispositivi di riscaldamento del tabacco e oltre uno e un mese e mezzo per le sigarette, in base all’andamento delle vendite registrato prima della situazione generata dalla pandemia di Covid-19. Sebbene lo stabilimento di Bologna rappresentasse circa il 50% della produzione di unità di tabacco riscaldate a febbraio 2020, le altre strutture per la produzione di tabacco riscaldate e di sigarette rimangono attualmente operative, con una capacità installata annuale di circa 70 miliardi di unità. Le summenzionate sospensioni della produzione su mandato del governo influenzano circa il 20% della capacità di produzione di sigarette di Philip Morris in tutto il mondo.

“In questa situazione globale senza precedenti, la nostra principale preoccupazione rimane la salute e la sicurezza dei nostri colleghi, delle loro famiglie e delle comunità in cui operiamo”, ha affermato Jacek Olczak, Chief Operating Officer di PMI. “Pertanto abbiamo deciso di sospendere temporaneamente le operazioni presso la nostra struttura vicino a Bologna. Ci impegniamo a fare la nostra parte e negli ultimi due mesi abbiamo adottato una serie di misure per proteggere il nostro personale e garantire la continuità dell’approvvigionamento ai nostri clienti e consumatori. ”

Philip Morris ha implementato una serie di misure per proteggere i dipendenti nelle sue strutture produttive e negli uffici in tutto il mondo, tra cui: chiedere ai dipendenti di uffici di lavorare da casa, limitare i viaggi di lavoro, annullare grandi riunioni ed eventi di persona, limitare l’accesso alle fabbriche a lavoratori essenziali, implementando lo screening della temperatura ove consentito, migliorando i protocolli di pulizia e sanificazione, attività di compartimentazione e applicando l’uso dei dispositivi di protezione individuale, l’igiene personale e l’allontanamento sociale.

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.