Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Crediti commerciali: nel continente americano rallentano i tempi di pagamento delle fatture



Aumentano nel continente americano i tempi di incasso delle fatture commerciali, come evidenziano i risultati del sondaggio sui comportamenti di pagamento tra imprese, condotto da Atradius, Gruppo assicurativo credito a livello globale, nei Paesi NAFTA ed in Brasile.
In sintesi:

· Aumentano nel continente americano i tempi di incasso delle fatture, passando da una media di 61 giorni nel 2017 ai 63 giorni di quest’anno.
· In media, il 90,3% dei fornitori intervistati lamenta frequenti ritardi di pagamento su fatture da parte delle imprese clienti (la percentuale sale al 94,4% in Messico ed al 90,9% negli Stati Uniti).
· In media, il 50% delle fatture emesse non viene pagato a scadenza.

David Huey, Presidente e Direttore Regionale di Atradius negli Stati Uniti, Canada e Messico, commenta: “Desta interesse il fatto che all’interno di un’economia in buona slaute ed in crescita, i mancati pagamenti siano ancora protagonisti nei rapporti commerciali tra imprese. Fa riflettere che il 51% delle imprese intervistate affermi di aver avuto almeno un cliente che ha dichiarato fallimento, e si sia ritirato dal mercato. Per questo, ogni impresa che concede dilazioni di pagamento ai clienti, siano essi sul mercato domestico o all’estero, può trovare interessanti i dati riportati nel nostro Barometro dei pagamenti.”

Sebbene di poco, diminuisce nel continente americano la percentuale di crediti insoluti stornati dai fornitori intervistati in quanto non recuperabili (passando da una media del 2,1% del 2017 all’ 1,8% di quest’anno). In Brasile, tale percentuale sale ad un massimo del 2,5%, quale riflesso dei casi di fallimento registrati nel corso dell’ultimo anno (il 54,7% dei fornitori intervistati in Brasile ha riferito di aver avuto almeno un cliente che ha dichiato fallimento nel corso di quest’arco temporale).

Il livello degli scambi commerciali intra-regionali sembra essersi stabilizzato, in particolare tra i Paesi NAFTA. Questo nonostante la svolta protezionistica da parte degli Stati Uniti, e le attese relative ai possibili esiti dei negoziati sul rinnovo dell’accordo di libero scambio. Circa la metà dei fornitori intervistati in area NAFTA sostiene che oltre il 50% dei loro scambi commerciali avviene all’interno della regione, con un 16,5% che commercia esclusivamente all’interno dell’attaule area di libero scambio. Il commercio con gli Stati Uniti è aumentato o rimasto stabile per l’81,5% dei fornitori intervistati in Messico. In Canada, questo quadro positivo è ancor più spiccato, con un totale di 90,3% di fornitori intervistati che conservano gli stessi volumi di scambi, in alcuni casi anche in aumento, con gli Stati Uniti.

Massimo Mancini, Country Manager di Atradius per l’Italia, sottolinea: “Sebbene i negoziati NAFTA siano al momento in una fase di stallo, che potrebbe cedere il passo ad accordi bilaterali tra Paesi, resta il fatto che i Paesi interessati rappresentano, e continueranno ad essere, destinazioni commerciali strategiche per il nostro export. Crescere su mercati così rilevanti è un obiettivo molto importante, per questo occorre dotarsi di tutti gli strumenti necessari a garantire una crescita sicura del proprio fatturato all’esportazione”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]